Commenti 2011-2012 - www.cellole-ce.it

Vai ai contenuti

Menu principale:

Commenti 2011-2012

A.S.CELLOLE CALCIO > Calcio La Storia

17/06/2012 Play-off
A.S. Cellole  – A.C. Amalfi =  3 – 1

AS Cellole: Breglia, D’Amico, Lucciola, Guida, Mazzone, Cimino, Azzuè, Carlucci,(75° De Luca), Ruberto,(65° Martino), Bartolini,(50° Iovino), Paduano.  
A disposizione: Lisenni, Lepore, Di Serio.
All. Michele Cimino.

AC Amalfi: Lucibello, Esposito, Apicella, Schiavo, De Crescenzo, Cioffi R, Infante, Ferrigno, Bonito, Bellogrado,(51° Cioffi A), Vissicchio.
A disposizione: Gorga, Nastri.
All. Pasquale De Crescenzo  

Arbitro:        Sig. Orazio Crescenzi di Napoli

Marcatori: 30° Ruberto F. (Cellole) – 61° Cioffi A (Amalfi) – 84° Martino (Cellole) – 91° Guida (Cellole)  

Ammoniti:   Martino, (Cellole)       
                    De Crescenzo, (Amafi)

Espulsi : ----------     

San Castrese: (Giuseppe Verrico)  Si è giocata a San Castrese la tanto attesa 1ª sfida della finale Play-Off del campionato di 2ª Ctg 2011-2012, la società del Cellole esprime un sincero ringraziamento all’amministrazione del comune di Sessa Aurunca nella persona del Sindaco Gino Tommasino per la gentile concessione del campo sportivo di San Castrese e all’amico Sandro Fasulo per la disponibilità data alla società Cellole. La gara si è giocata in campo neutro visto che il campo sportivo di Cellole risultava occupato per la finale del 1° memorial Lorenzo Montecuollo. Il caldo torrido ha condizionato non poco la prestazione delle due compagine in campo, alla fine ha vinto la squadra di casa che ha saputo sfruttare al meglio le sostituzioni a disposizione. Al 17° Bartolini lasciava partire un gran tiro dai 20 metri che terminava di poco alto oltre la traversa. Al 22° Cimino lanciava sulla destra D’Amico, il numero 2 locale metteva al centro per capitan Bartolini, la conclusione del numero 10 rossoblu terminava di un soffio a lato alla destra di Lucibello. Al 28° erano gli ospiti a sfiorare il vantaggio, Esposito lasciava partire un gran tiro che sfiorava la base del palo alla sinistra di Breglia, (oggi titolare per la squalifica di Migliore). Al 30° i locali passavano in vantaggio, Ruberto si incaricava di calciare un punizione dai 22 metri, esecuzione a mezza altezza che terminava alle spalle dell’incolpevole Lucibello. Al 33° Lucciola direttamente da corner calciato dalla destra sfiorava l’incrocio alla destra di Lucibello. Al 35° Lucciola metteva al centro per Azzuè, controllo e tiro a volo del numero 7 locale con parata del portiere ospite. Al 39° Infante lasciava partire un gran tiro dai 25 metri che terminava sul fondo alla sinistra di Breglia. Nel 2° tempo calava notevolmente il ritmo della gara per il gran caldo, gli ospiti si portavano costantemente in avanti e raggiungevano il pari al 61° con il nuovo entrato Andrea Cioffi, su azione di corner dell’Amalfi l’estremo difensore locale Breglia respingeva di pugni, la sua respinta terminava sui piedi del Cioffi che da fuori area con un gran tiro indovinava l’angolo alto alla sinistra di Breglia. Al 69° il nuovo entrato Martino se ne andava per vie centrali portandosi al tiro da circa 16 metri, bella la risposta di Lucibello che con un pregevole tuffo alla sua sinistra respingeva la sfera. Al 73° Mazzone si spostava in avanti e serviva Guida al limite dell’area di rigore avversaria, gran tiro a volo del numero 4 locale e sfera che sfiorava la traversa di un niente. Al 84° i nuovi entrati Iovino e Martino confezionavano la rete del vantaggio dei locali, dalla sinistra Iovino metteva al centro, Martino da circa 16 metri si coordinava ottimamente e al volo colpiva la sfera in maniera perfetta, la traiettoria del pallone calciato dal bomber rossoblu risultava essere perfetta e precisa dato che si infilava inesorabilmente alle spalle dell’incolpevole Lucibello. Al 87° De Crescenzo impegnava l’estremo difensore locale Breglia, ottima la risposta del numero 1 locale sulla ravvicinata conclusione del capitano ospite. Al 91° azione corale orchestrata dai locali, Paduano serviva Azzuè, il quale si avvedeva dell’accorrente Guida e lo serviva per vie centrali, il numero 4 locale si veniva a trovare a tu per tu con Lucibello e con freddezza lo trafiggeva portando il risultato sul definitivo 3 a 1 in favore del Cellole. Vittoria meritata per i rossoblu, i quali mercoledì faranno visita al Gesualdo in terra irpina per la seconda gara di questo mini torneo che darà diritto ad un posto in prima categoria nella stagione calcistica 2012-2013.  



10/06/2012
A.S. Cellole  – Real Piedimonte =  2 – 2

AS Cellole: Migliore, D’Amico, Lucciola, Guida,(60° Mirra), Mazzone, Cimino, Martino,(20° Azzuè, al 5° p.t. suppl. Breglia), Iovino, Ruberto, Bartolini, Paduano.  
A disposizione: Breglia, Di Serio, Lepore.
All. Michele Cimino.

Real Piedimonte: Alfieri, Palmieri, Zannini, Varone, Di Biasio, Martino F, Martino M, Pignataro,(2° p.t. suppl. Sangermano), Martino G, Cimorelli,(54° Crolla), Codella.
A disposizione: Morelli, Fusco, Gallinaro, Rea.
All. Salvatore Coletta  

Arbitro:        Sig. Catello Isernia di Castellammare di Stabia

Marcatori:   40° Paduano (rig) (Cellole) – 56° Ruberto F. (Cellole) – 69° autorete Mirra (R.P.) –
                    80° Martino M. (rig) (R.P.)   

Ammoniti:   Lucciola, Cimino, Iovino, Bartolini, Paduano, Mirra, Azzuè, (Cellole)       
                    Di Biasio, Pignataro, (Real Piedimonte)

Espulsi : al 80° Migliore (Cellole) per fallo da ultimo uomo – al 90° Palmieri (R. P.) per gioco pericoloso.     

Cellole: (Giuseppe Verrico)  Il Cellole in vantaggio di 2 reti subisce la rimonta del Real Piedimonte, finisce la gara con un pareggio 2 a 2 che qualifica i padroni di casa alla fase successiva dei Play-Off. Attimi di panico al 18° del 1° tempo quando Giuseppe Martino (Cellole) si accasciava al suolo privo di sensi, la corsa in ospedale a fianco del cognato e della moglie presenti allo stadio di Cellole faceva a tutti tirare un sospiro di sollievo, dato che le notizie che arrivavano dall’ospedale erano confortanti e davano in netto recupero fisico il calciatore del Cellole. La gara ha vissuto due momenti di netta differenza, ad un 1° tempo di chiara marca cellolese, ne è seguito un inizio 2° tempo a favore ancora dei padroni di casa e ma un finale di 2° tempo nettamente a favore degli ospiti che proprio nel finale sono pervenuti al pareggio. Al 9° Iovino dalla destra metteva al centro, in area Ruberto serviva Bartolini, il quale da due passi tirava a botta sicura, ma l’estremo difensore ospite Alfieri con il corpo respingeva. Al 11° dalla sinistra Martino G metteva al centro, all’altezza del 2° palo Martino F anticipava di un soffio l’incornata di Ruberto F. Al 31° Codella si incaricava di calciare una punizione dalla sinistra, la conclusione del numero 11 ospite veniva deviata in angolo da Migliore. Al 40° i locali si portavano in vantaggio, Iovino dalla destra lasciava partire un cross che Palmieri a centro area toccava platealmente con la mano, inducendo così il direttore di gara a fischiare un calcio di rigore in favore del Cellole, sul dischetto si portava lo specialista Paduano, il quale spiazzava Alfieri e siglava il vantaggio. Al 55° dalla sinistra Martino G metteva al centro, all’altezza del 2° palo, Varone mancava di un soffio l’impatto con la sfera. Al 56° i locali raddoppiavano, Azzuè dalla destra metteva al centro per Ruberto F, il quale di testa metteva alle spalle dell’incolpevole Alfieri. Al 61° veniva annullato una rete a Paduano per un sospetto fuori gioco. Al 69° gli ospiti accorciavano le distanze grazie ad una punizione calciata da Martino M dalla destra e deviata in modo decisivo da Mirra, deviazione che ingannava l’estremo difensore locale per il momentaneo 2 a 1. Al 77° Iovino imbeccava ottimamente Ruberto F il quale tirava verso Alfieri, ma l’estremo difensore ospite abbrancava in presa sicura. Al 80° in un azione di corner dalla sinistra l’arbitro vedeva un fallo dell’estremo difensore ospite Migliore ai danni di Zannini e decretava un calcio di rigore in favore degli ospiti con espulsione del numero 1 locale, (espulsione che è sembrata abbastanza eccessiva dato che si trattava di una mischia in area), Azzuè indossava i guantoni e sul dischetto si portava Martino M, esecuzione angolata e rete del 2 a 2. Al 86° Codella dalla lunga distanza coglieva la traversa, spaventando non poco la tifoseria locale e facendo imprecare i tantissimi tifosi del Real Piedimonte presenti allo stadio comunale di Cellole. Terminavano i primi 90 minuti con il risultato di 2 a 2 e si andava ai supplementari, supplementari che non regalavano emozioni o azioni degne di nota, terminava la gara con il risultato di 2 a 2 che premiava i locali, i quali ora aspettano i verdetti delle altre gara Play-Off degli altri gironi per conoscere i prossimi avversari. Una grande cornice di pubblico ha riempito lo stadio di Cellole e tra applausi e sfottò si è assistito ad una bella gara.

12/05/2012
Real Martinese – A.S. Cellole =  2 – 1

Real Martinese: Falconetti, Cipullo L, Castaldo, Di Palma, Avenia L, Cipullo A,(84° Cassella), Palombi, Menditto, Losano, De Biase, Avenia G.
A disposizione: Scarano, De Gennaro Pietrangioli, Rinaldi, Fusco, Ventrone.
All. Riccardo Gravina

AS Cellole: Migliore, D’Amico, Lucciola, Guida,(65° Di Serio), Mazzone, Cimino, Martino,(46° Iovino), Carlucci, Ruberto, Bartolini, Paduano.
A disposizione: Breglia, Lepore, Gambardella, Lamberti.
All. Michele Cimino.

A r b i t r o : Sig. Iannone di Napoli   

Marcatori:    22° Guida (Cellole) – 59° Castaldo (R.Martinese) – 74° Losano (R.Martinese)

Ammoniti:    Cipullo L, Di Palma, Avenia L, (Real Martinese)       
                     Mazzone, Martino, (Cellole)

Espulsi :  ---------------

San Prisco: (Giuseppe Verrico) Vittoria in rimonta del Real Martinese, i locali di mister Gravina dopo lo spavento dovuto allo svantaggio accumulato alla fine del primo tempo, svantaggio che precludeva alla squadra del Presidente Martino la disputa dei play-off, sono ritornati in campo nella seconda frazione di tempo con più determinazione ed hanno alla fine portato a casa i tre punti. Gli ospiti hanno sofferto più del dovuto l’uscita dal campo per infortunio del bomber Martino e qualche assenza dell’ultima ora. Al 6° Guida si portava al tiro da fuori area, la sua conclusione terminava di poco alta. Al 10° era Palombi ad impensierire Migliore, la sfera terminava di poco a lato. Al 14° ottima risposta di Falconetti su un pregevole calcio di punizione calciato da Ruberto. Al 22° gli ospiti passavano in vantaggio con Guida, il centrocampista rossoblu da fuori area lasciava partire un gran tiro che si infilava alle spalle di Falconetti. Al 24° De Biase sparava di poco alto. Al 28° era Martino che sfiorava la traversa della porta difesa da Falconetti. Al 40° Ruberto su punizione impegnava Falconetti. Al 55° De Biase calciava una punizione servendo Castaldo, il capitano da due passi spediva sul fondo. Al 59° il direttore di gara decretava un calcio di rigore in favore dei padroni di casa per fallo di Mazzone su Losano, sul dischetto si portava Castaldo, l’esecuzione del capitano veniva intercettata da Migliore, ma la sfera terminava lo stesso inesorabilmente in rete per il momentaneo pari. Al 63° l’inesauribile Ruberto impegnava severamente Falconetti, mentre al 67° era Menditto a spedire alto da buona posizione. Al 71° Ruberto tentava un velenoso pallonetto che terminava di un soffio alto oltre la traversa della porta di Falconetti. Al 73° era capitan Bartolini che con un gran tiro mandava alto oltre la traversa. Al 74° i locali si portavano in vantaggio, gli ospiti con un errato disimpegno permettevano a Losano di portarsi alla conclusione, Migliore nulla poteva e il bomber di casa siglava il definitivo 2 a 1. Forcing finale del Cellole che non ci stava ad uscire sconfitto dal campo del Real Martinese, in modo da continuare la lunga striscia di risultati utili consecutivi, ma prima Ruberto, poi Lucciola ed infine D’Amico fallivano di un soffio il pari. Termina con una sconfitta il campionato del Cellole, che domenica prossima osserverà il proprio turno di riposo, in attesa dei play-off il Cellole insieme ai calciatori e società invia i più sinceri complimenti al Pietramelara vincitrice di questo avvincente campionato.  


12/05/2012

pubblicata da Verrico Giuseppe il giorno venerdì 11 maggio 2012 alle ore 23.46 ·
RECLAMO BAIA DOMIZIA CELLOLE – GARA CARINOLA / BAIA DOMIZIA CELLOLE DEL 17/ 3/2012
Il G.S.T., visti gli atti ufficiali, letto il reclamo, ritualmente proposto dalla società Baia Domizia Cellole in ordine alla gara
in epigrafe, avente per oggetto la presunta posizione irregolare, agli effetti del tesseramento, dei calciatori Veneziano
Lucio (nato il 10.01.1990), Corribolo Pasquale (nato il 2.09.1991), Di Spirito Antonio (nato il 24.07.1995), Di Spirito
Fiore (nato il 12.09.1992) e Bertone Vincenzo (nato il 13.02.1995), rileva la fondatezza dell’atto di impugnazione. Dalla
documentazione, acquisita presso l’Ufficio Tesseramento del C.R. Campania, è emerso che i calciatori Corribolo
Pasquale e Di Spirito Antonio risultano regolarmente tesserati a favore della società Carinola rispettivamente dal
26.11.2011 e dall’11.11.2011, ovvero da data antecedente rispetto al giorno di disputa della gara in epigrafe;
viceversa, è emersa la posizione irregolare dei calciatori: Di Spirito Fiore, che non risulta tesserato per nessuna
società; Bertone Vincenzo, che risulta svincolato dalla società Carinola dall’1.07.2011 e non più ritesserato; Veneziano
Lucio, che risulta svincolato da altra società dal 16.12.2011 e non ritesserato per nessuna società. Di conseguenza, la
partecipazione dei calciatori Veneziano Lucio, Bertone Vincenzo e Di Spirito Fiore, alla gara in esame, è da
considerarsi irregolare, agli effetti del tesseramento. Per tali motivi
DELIBERA
in accoglimento del reclamo proposto dalla società Baia Domizia Cellole, di infliggere, a carico della società
Carinola, ai sensi e per gli effetti di cui all’art. 17, comma 5, lettera a), del Codice di Giustizia Sportiva, la
sanzione della punizione sportiva della perdita della gara con il punteggio di 0-3;

06/05/2012
A.S. Cellole  – A.S. Alvignano =  3 – 0

AS Cellole: Migliore, D’Amico, Lucciola, Guida,(60° Iovino), Mazzone, Cimino, Martino,(65° Azzuè), Carlucci, Ruberto, Bartolini, Paduano.  
A disposizione: Breglia, Di Serio.
All. Michele Cimino.

AS Alvignano: Mascaro, Mastroianni, Altieri P, Zullo, La Vecchia O, Gargiulo, Mongillo, Romano, Melillo, Offreda,(32° Pinelli), Valentino,(66° Riccio).
A disposizione:
All. Nino Italo Di Leone  

Arbitro:        Sig. Enrico Celiento di Frattamaggiore

Marcatori:   29° e 45° Ruberto Francesco – 61° D’Amico  

Ammoniti:   ------ (Cellole)       
                    Gargiulo, (Alvignano)

Espulsi : -----------    

Cellole: (Giuseppe Verrico)  Partita senza storia quella vista al comunale di Cellole ieri, la gara metteva di fronte la 2° forza del campionato e la compagine dell’Alvignano in lotta per l’ultimo posto utile dei play-off, ma la determinazione dei locali e qualche pesante assenza nelle fila degli ospiti hanno immediatamente dato una direzione al risultato finale del match. L’estremo difensore locale Davide Migliore è stato per tutta la durata della gara mai impegnato, se non per qualche sporadica rimessa dal fondo. Dopo solo trenta minuti il gioiellino Offreda era per un infortunio costretto ad abbandonare il terreno di gioco, costringendo il proprio allenatore a far a meno di un'altra pedina fondamentale. Al 4° Ruberto se ne andava in progressione seminando avversari e si presentava in area con l’accorrente Martino alla sua destra, il bomber locale tentennava un attimo nel servire il proprio compagno facendo così svanire il probabile vantaggio, inutile la scivolata del numero 7 locale Martino, la sfera terminava sul fondo. Al 27° Ruberto direttamente da corner calciato da sinistra costringeva il numero 1 ospite al miracoloso intervento, infatti Mascaro con la mano destra e con un bel colpo di reni riusciva a respingere la sfera. Al 29° i locali passavano in vantaggio, sulla destra si involava Paduano, il quale arrivato sul fondo pennellava un perfetto cross per la testa di Francesco Ruberto, il numero 9 locale all’altezza del 2° palo metteva in rete il vantaggio per la sua squadra e la sua personale 9° rete, (precisando che il bomber si è accasato a Cellole nel mese di gennaio, dopo una parentesi a Mondragone), non sono poche. Il Cellole controllava agevolmente il risultato e allo scadere della 1° frazione di gara raddoppiava sempre con Francesco Ruberto, (10° rete in campionato), Martino serviva Guida sulla fascia destra, il centrocampista rossoblu in dribbling saltava il suo diretto marcatore e metteva la sfera al centro, il bomber rossoblu Francesco Ruberto si faceva trovare pronto ed in posizione ottimale per andare a rete, realizzando il momentaneo due a zero. Nella 2° frazione di gara il tema non cambiava, al 61° il Cellole portava sul 3 a zero il risultato con D’Amico, (autore di ben 7 reti, che per un difensore non sono pochi), il nuovo entrato Iovino pennellava un lancio dalla linea mediana del campo, Altieri nel tentativo di anticipare D’Amico colpiva di testa, ma contemporaneamente spiazzava il proprio portiere in uscita, ne approfittava D’Amico che si catapultava sulla sfera e metteva in rete a porta vuota. Al 63° Martino se andava in contropiede e si presentava a tu per tu con Mascaro, l’estremo difensore ospite riusciva nell’impresa di respingergli il tiro da due passi. Al 67° arrivava l’ultimo sussulto per questa gara, Iovino lanciava ottimamente D’Amico, il quale con un pregevole tocco saltava il portiere in uscita, ma clamorosamente sbagliava la conclusione a porta vuota spedendo alto oltre la traversa. La gara si portava alla conclusione con il Cellole padrone della partita e ormai sicuro del 2° posto in classifica che riserverà alla compagine allenata da mister Cimino di giocare in casa le gare di Play-off.   


29/04/2012  Decima    di ritorno
A.S.D. Real Teano Calcio – A.S. Cellole =  2 – 3

ASD Real Teano Calcio: Micillo, Izzo, Balbo,(46° Rendina), Montanaro, Scoglio, Mazzorana,(66° Tranchedone), Ricciardi, De Fusco D, Faella, De Fusco A, Tramontano,(84° Turco).
A disposizione: Giarrusso.
All. Giovanni Scoglio

AS Cellole: Migliore, D’Amico, Di Serio,(70° De Lucia), Guida, Mazzone, Cimino, Paduano, Carlucci, Ruberto, Bartolini, Azzuè.
A disposizione: Breglia, Lepore, Gambardella, Lamberti.
All. Michele Cimino.

A r b i t r o : Sig. Guido Stritto di Frattamaggiore   

Marcatori:    7° Faella (R.Teano) – 16°e 37° Bartolini (Cellole) – 78° (rig) De Fusco A. (R. Teano)
– 91° (rig) Paduano (Cellole)

Ammoniti:    Izzo, Scoglio, Mazzorana, De Fusco D (Real Teano)       
                     Migliore, Di Serio, Guida, De Lucia, (Cellole)

Espulsi :  ---------------

Teano: (Giuseppe Verrico) Il Cellole di capitan Bartolini con la vittoria conquistata nel finale sul campo del Real Teano si porta ad un solo punto dalla capolista Pietramelara, ma dovrà nell’ultima giornata scontare il proprio turno di riposo, mentre la capolista scontava il riposo nella giornata di oggi. Gli ospiti se pur privi di Martino, Iovino, Lucciola, Mirra e Lisenni, portano a casa 3 punti fondamentali per la conferma del 2° posto, vista anche la contemporanea sconfitta del Real Martinese sul campo dell’Alvignano. I locali passavano in vantaggio al 7°, ma il direttore di gara si macchiava di un evidente errore di valutazione non fischiando una netta carica sul portiere ospite Migliore, infatti Faella di spalla urtava volontariamente il numero 1 ospite in uscita, il quale perdeva la sfera e lo stesso Faella ne approfittava realizzando l’uno a zero tra le proteste degli ospiti. Al 16° gli ospiti pareggiavano le sorti dell’incontro, capitan Bartolini entrava in possesso della sfera al limite dell’area di rigore avversaria e lasciava partire un preciso tiro che si infilava nell’incrocia alla destra dell’incolpevole Micillo. Al 23° Ruberto calciava un corner dalla destra, Mazzone portatosi in avanti per l’occasione colpiva ottimamente di testa, ma sulla linea con Micillo battuto salvava Dario De Fusco. Al 37° gli ospiti raddoppiavano portandosi meritatamente in vantaggio, sempre capitan Bartolini (oggi il migliore dei suoi) entrava in possesso della sfera poco al di fuori dell’area di rigore avversaria, controllava ottimamente il pallone e lasciava partire un gran bolide che si infilava alle spalle di Micillo. Al 41° era Tramontano che da fuori area calciava verso la porta difesa da Migliore, ma la sua conclusione si rivelava centrale e facile preda del numero 1 ospite. Al 62° Azzuè dalla sinistra metteva al centro per l’accorrente Paduano, ma la debole conclusione del centrocampista rossoblu diventava facile preda di Micillo. Al 65° Ruberto lanciava verticalmente Azzuè, ma l’attaccante rossoblu perdeva l’attimo utile permettendo al numero 1 locale la tempestiva uscita. Al 77° Izzo dalla sinistra calciava un corner che Faella in area indirizzava verso la porta avversaria, attento Migliore che deviava in angolo. Al 78° purtroppo arrivava un altro errore da parte del direttore di gara, (testimoni del non rigore quasi tutti i calciatori in campo e i dirigenti locali fuori, i quali a termine della gara hanno ammesso che il rigore non c’era), infatti Tramontano entrava in area da destra e si gettava volutamente sul difensore avversario, incredibilmente il Sig. Stritto decretava un calcio di rigore in favore dei locali, sul dischetto si portava Alessandro De Fusco che non falliva l’esecuzione, portando il risultato sul momentaneo 2 a 2. Quando ormai il risultato sembrava segnato, arrivava il calcio di rigore in favore degli ospiti, infatti il nuovo entrato Tranchedone in elevazione colpiva platealmente la sfera con la mano, inducendo il direttore di gara a fischiare il rigore, sul dischetto si presentava Paduano che realizzava il definitivo vantaggio che chiudeva di fatti la gara.


25/04/2012 recupero della gara del 14/04/2012
A.S. Fulgor T. Pignataro – A.S. Cellole =  3 – 3

AS Fulgor Timenda Pignataro: Magliocca D, Borrelli, Reina, Rinaldi, Cilento, Di Feola, Lagnese, D’Errico, Lettieri, Penna, Nacca,(21° Bovenzi).
A disposizione: Izzo.
All. Marcellino Magliocca

AS Cellole: Migliore, D’Amico, Mirra, Guida, Mazzone, Cimino, Paduano, Carlucci, Ruberto, Bartolini, Lucciola,(55° Iovino).
A disposizione: Breglia, Di Serio, Lepore, Gambardella, Lamberti.
All. Michele Cimino.

A r b i t r o : Sig. Aldo Marletta di Napoli

Marcatori:    13° Penna (Pignataro) 29° e 78° D’Errico (Pignataro) – 53° Bartolini (Cellole) – 86° e 91° D’Amico (Cellole)

Ammoniti:    Borrelli, Cilento, (Pignataro)       
                     Lucciola, Mazzone, (Cellole)

Espulsi :  30° Mirra (Cellole) e al 90° Penna (Pignataro) tutte e 2 per doppia ammonizione

Pignataro: (Giuseppe Verrico) La partita al comunale di Pignataro contro la locale formazione allenata da mister Magliocca si presentava abbastanza ostica per gli ospiti del Cellole che a soli 2 punti dalla vetta puntavano al successo in trasferta per rimanere agganciati alla capolista, ma l’ambiente trovato è stato ancor più ostile del previsto, fino a che il risultato premiava la compagine locale si giocava in tranquillità e serenità, nonostante il Cellole di mister Cimino in inferiorità numerica per una discutibile espulsione di Mirra e per un evidente errore da parte del direttore di gara che annullava una regolarissima rete a Francesco Ruberto per un inesistente fuorigioco, teneva sempre in mano il pallino del gioco, ma quando il Cellole si è fatto sotto accorciando le distanze, ecco che cominciava l’assedio al direttore di gara, costringendo lo stesso a continue interruzione di gioco, nonostante ciò il giovanissimo arbitro Aldo Marletta di Napoli teneva abbastanza bene in pugno la gara. I componenti della panchina locale continuavano a protestare in maniera veemente con il direttore di gara e frequentemente entrava nel rettangolo di gioco condizionando non poco l’operato dell’arbitro. La gara registrava subito un’occasione per gli ospiti che al 4° su corner calciato da Ruberto dalla sinistra impegnava severamente Magliocca che si rifugiava in angolo. Al primo affondo Penna portava in vantaggio la propria squadra con un potente e preciso diagonale che si infilava nell’angolino basso alla sinistra di Migliore. Al 18° Bartolini si cimentava in un vincente doppio dribbling ai danni di Reina e Di Feola, entrava in area e di interno sinistro tentava il tiro a giro, bella la risposta di Magliocca che in tuffo si rifugiava in angolo. Al 22° Bartolini serviva Ruberto che con il portiere leggermente fuori dai pali tentava un pallonetto che l’estremo difensore miracolosamente facendo un passo indietro riusciva con la punta delle dita a deviare oltre la traversa. Al 29° in una concitata azione in area del Cellole ne approfittava D’Errico che dalla destra scagliava un violento tiro che si infilava tra palo e portiere. Terminava il primo tempo con il doppio vantaggio dei locali e gli ospiti in inferiorità numerica. Al 53° il Cellole accorciava le distanze, Cimino dalla propria metà campo lanciava ottimamente capitan Bartolini, il quale controllava la sfera di esterno destro e con un preciso tiro metteva alle spalle di Magliocca il momentaneo 1 a 2. Al 55° Lettieri si girava ottimamente in area e tirava verso la porta avversaria da ottima posizione, ottima la risposta di Migliore che ben piazzato gli respingeva il tiro. Al 67° dalla destra Guida calciava un corner che D’Amico colpiva ottimamente di testa, ma la conclusione del difensore del Cellole sfiorava solo il palo alla destra di Magliocca, era il preludio al gol che più tardi lo stesso D’Amico avrebbe realizzato. Al 69° dopo una magistrale azione messa in atto dal Cellole Ruberto andava in rete, ma le veementi proteste dei locali costringevano il direttore di gara ad annullare la rete del possibile pari per un inesistente fuori gioco. Al 71° Migliore respingeva di piede una ravvicinata conclusione di Lettieri. Al 76° Magliocca compieva un vero miracolo su una conclusione di Paduano che deviata da un difensore costringeva il numero 1 locale alla strepitosa parata. Al 78° con il Cellole proteso in avanti alla ricerca del pari, i locali realizzavano il momentaneo 3 a 1, un errato disimpegno del centrocampo ospite metteva D’Errico nelle migliori condizioni per andare a rete, il tiro del numero 8 locale veniva solo toccato da Migliore, ma terminava lo stesso in rete. Nonostante mancasse poco alla fine gli ospiti non si sono dati per vinti e al 86° Iovino calciava un corner dalla sinistra, in area D’Amico svettava ottimamente di testa e realizzava il 2 a 3. Al 88° gli ospiti andavano vicini al pari con Ruberto, il quale raccoglieva un cross di D’Amico e al volo costringeva Magliocca all respinta in tuffo. Al 91° arrivava il meritato pari per la squadra del Cellole, dalla sinistra Iovino crossava al centro, in area Carlucci faceva sponda di testa per D’Amico, il quale ancora di testa metteva in rete il definitivo pareggio. Il risultato sta molto stretto agli ospiti, che con la rete annullata a Ruberto e la discutibile espulsione al 30° del 1° tempo di Mirra, sicuramente avrebbe portato a casa questa vittoria. Discutibile infine le proteste della dirigenza locale a fine gara e le continue recriminazione verso i calciatori del Cellole, rei di aver creduto di poter portare a casa un risultato fino al fischio finale dell’arbitro.       

21/04/2012 ottava di Ritorno
A.S. Cellole  – A.S. Castel di Sasso =  1 – 0

AS Cellole: Migliore, D’Amico, Lisenni, Guida, Mazzone, Cimino, Martino,(75° Bartolini), Carlucci, Paduano, Ruberto, Lucciola.  
A disposizione: Breglia, Di Serio, Iovino.
All. Michele Cimino.

AS Castel di Sasso: Romano, Luongo,(79° De Marco), Petruccione, Greco,(27° Scaramuzzo), Esposito L, Simone, Denisi, Esperti, Ferrari, Castaldo,(59° Esposito R.), Di Cristo.
A disposizione:
All. Giovanni Migliozzi  

Arbitro:        Sig. Davide Cefariello di Ercolano

Marcatori:   71° Ruberto Francesco  

Ammoniti:   Cimino, (Cellole)       
                    Greco, Simone, Denisi, Ferrari, (Castel di Sasso)

Espulsi : -----------    

Cellole: (Giuseppe Verrico)  Vittoria meritata degli undici allenati da mister Cimino, i locali hanno sciupato tante occasioni e colpito due legni con Lucciola e Francesco Ruberto, la vittoria è arrivata con una rete di Francesco Ruberto al 71° a sigillare una buona prestazione del Cellole. Dopo un primo tempo privo di emozioni e azione degne di nota, da segnalare solo che al 24° Guida si cimentava in dribbling al limite dell’area avversaria per servire poi l’accorrente Paduano, botta centrale con bella risposta di Romano che respingeva la sfera, arrivava un secondo tempo pieno zeppo di occasioni che fallite dei locali facevano soffrire oltremodo la tifoseria rossoblu. Al 53° si involava Lucciola sulla sinistra e da solo si presentava d’avanti a Romano, il quale in tuffo gli respingeva la ravvicinata conclusione. Al 55° Lisenni dalla propria metà campo lanciava Franceco Ruberto, il quale dai 16 metri e con Romano fuori dai pali tentava un pallonetto che terminava sul fondo oltre la traversa. Al 56° Guida dalla sinistra penetrava in area in dribbling e tirava verso Romano, la sfera respinta dall’estremo difensore ospite arrivava sui piedi di Lucciola che con il portiere a terra tirava a botta sicura, ma il pallone terminava la sua corsa sulla traversa strozzando l’urlo della tifoseria che già gridava al gol. Al 66° si vedevano gli ospiti con un bel contropiede impostato da Esperti e Ferrari, dopo un paio di scambi ravvicinati, Ferrari si portava al tiro dai 16 metri tentando un tiro a giro di interno destro, ma la sua conclusione non impensieriva Migliore che attento controllava la sfera terminare sul fondo. Al 71° i locali meritatamente passavano in vantaggio, dalla destra Lucciola calciava un corner, la sfera terminava a Martino, il quale controllava e serviva indietro Francesco Ruberto, tiro secco e forte dall’altezza del dischetto di rigore e palla nella porta alle spalle dell’incolpevole Romano. Al 74° Guida serviva Francesco Ruberto, il quale tentava il tiro dalla distanza che Romano in parata plastica neutralizzava. Al 76° dalla destra Paduano metteva al centro, Francesco Ruberto colpiva di testa e costringeva Romano alla respinta, sulla sfera si catapultava D’Amico che da pochi passi con un gran tiro sfiorava la traversa. Al 90° arrivava l’ultimo sussulto per i locali, Francesco Ruberto recuperava una palla sulla destra che sembrava ormai persa e si presentava in area, saltava il suo diretto avversario con un bel dribbling e dal limite dell’area piccola con l’esterno destro tentava il raddoppio, ma la sfera si stampava inesorabilmente sul palo alla destra di Romano. Terminava la gara con la meritata vittoria di locali che salgono a 42 punti, scavalcando il Pietramelara, che domani (oggi per chi legge) sarà impegnata sul campo del Real Piedimonte, il quale privo di qualche pedina fondamentale tenterà di fermare la corsa della capolista. Il Cellole di mister Cimino mercoledì nella gara di recupero affronterà in trasferta il Pignataro che ha pareggiato sul campo del Real Francolise, vedendo così allontanarsi definitivamente la zona play-off, mentre il Castel di Sasso ospiterà il Real Martinese.

24/03/2012 Settima di Ritorno
A.S. Cellole  – S.C. Juve Mondragone =  10 – 0

AS Cellole: Migliore,(46° Breglia), D’Amico, Mirra,(46° Lisenni), Guida, Mazzone, Lamberti, Martino, Carlucci, Ruberto,(50° Azzuè), Bartolini, Lucciola.  
A disposizione: Iovino, Di Serio, Cimino, Gambardella.
All. Michele Cimino.

SC Juve Mondragone: Castaldo A, Occhiello, Romano, Brocca, Scotti, Riccio, Castaldo G, Lazzarin,(54° Marrello), Fiorillo, Trancone, Mellucci.
A disposizione: -----
All. Giovanni Di Bonito  

Arbitro:        Sig. Marco Capparella di Napoli

Marcatori:   7° e 21°Mirra – 18° 41° 61° e 68° Carlucci – 47° e 49° Ruberto F – 53° Azzuè – 72° Martino  

Ammoniti:   ------------- (Cellole)       
                    ------------- (Juve Mondragone)

Espulsi : -----------    

Cellole: (Giuseppe Verrico)  Alla fine di questa gara l’unico rammarico è che la società si ritroverà un pallone in meno, visto che Carlucci autore di una poker si è portato a casa il pallone con la firma di tutti i suoi compagni, in vero stile inglese. Da sottolineare la doppietta del difensore Mirra, il quale con le reti realizzate quest’oggi si porta a quota 11 marcature, il che per un difensore non sono proprio poche. Apriva le marcature proprio Mirra al 7° quando Martino riceveva un corner calciato da un suo compagno e metteva al centro un fendente che all’altezza del 2° palo trovava appostato Mirra, il quale metteva indisturbato in rete. Al 18° dalla destra Lucciola calciava un corner che Martino toccava appena per servire Carlucci, il centrocampista rossoblu da sotto misura con un tap-in vincente metteva in rete il raddoppio. Al 21° dalla sinistra Francesco Ruberto calciava un corner che Mirra di testa spediva in rete alle spalle dell’incolpevole Castaldo, realizzando il momentaneo 3 a zero e la sua personale doppietta. Al 41° Ruberto dalla destra serviva Lucciola, il quale tirava verso Castaldo, ma il numero 1 ospite riusciva a respingere la sfera, sul pallone ritornava l’inesauribile Lucciola che serviva l’accorrente Carlucci, rasoterra preciso che passava in mezzo ad una selva di gambe e finiva in rete per il 4 a zero che chiudeva il primo tempo. Iniziava la ripresa con il felice debutto casalingo dell’estremo difensore locale Breglia, il quale prendeva il posto dell’esperto Migliore. Al 47° Lisenni metteva al centro dalla sinistra, Ruberto a centro area tirava verso la porta avversaria, ma Castaldo respingeva con il corpo, sulla respinta arrivava D’Amico che rimetteva al centro per trovare tutto solo ancora Francesco Ruberto che questa volta non sbagliava l’esecuzione per il 5 a zero, passavano solo 2 minuti e Ruberto collezionava la sua doppietta, tirocross dalla destra con leggera deviazione di Brocca, la sfera finiva alle spalle dell’incolpevole Castaldo. Al 53° Breglia dalla sua area di rigore lanciava sul filo del fuori gioco il nuovo entrato Azzuè, il quale si presentava a tu per tu con Castaldo e con un delizioso pallonetto siglava la settima rete per la sua squadra. Al 61° e al 68° Carlucci arrotondava il risultato con due reti fotocopia, due corner calciati da destra da Lucciola e due colpi di testa vincenti del numero 8 locale portavano il Cellole sul 9 a zero. Nel finale al 72° arrivava la rete di Martino che da fuori area con un preciso diagonale infilava la sfera nell’angolino basso alla destra di Castaldo.          


17/03/2012  Sesta di Ritorno
S.S.C. Carinola – A.S. Cellole =  2 – 2

SSC Carinola: Veneziano, De Ruosi, Rotunno, Corsaro,(75° Bertone), Corribolo, Reccolani, Codella, Donatiello, Marcello, Di Spirito A,(46° Ciriello), Liberti G,(67° Di Spirito F)
A disposizione: Federico, Ammendola, Cerchia.
All. Carmine Liberti

AS Cellole: Migliore, D’Amico, Mirra, Guida,(70° Iovino), Mazzone, Cimino, Martino, Carlucci, Azzuè,(65° Santagata), Paduano, Lucciola,(75° Lisenni).
A disposizione: Breglia, Di Serio, Bartolini, Lamberti.
All. Michele Cimino.

A r b i t r o : Sig. Antonio Ferraro di Torre del Greco

Marcatori:    30° D’Amico (Cellole) 64° Guida (Cellole) – 76° Reccolani (Carin) – 90° Codella (Carin)

Ammoniti:    De Ruosi, Reccolani, Codella, Marcello, (Carinola)       
                     Paduano, Lisenni, (Cellole)

Espulsi :  ------------

Carinola: (Giuseppe Verrico) Nel calcio la sorte ti da e si prende, dopo la vittoria conquistata in casa contro la capolista Pietramelara, il Cellole di mister Cimino si fa stoppare dal Carinola che nelle due occasione costruite ha siglato due reti, mentre il Cellole ha fallito una miriade di occasioni buttando all’aria tutto ciò di buono aveva costruito nelle ultime settimane. Un eurogol di Reccolani dai 24 metri e una rete in mischia di Codella hanno stoppato la capolista e complicato in qualche modo il discorso campionato, oggi (per chi legge) il Pietramelara ospiterà il Real Francolise che in qualche modo tenterà di tornare in gioco per il discorso campionato, ma c’è da aggiungere che è troppo il divario tecnico delle due squadre che difficilmente i ragazzi di mister Palmiero perderanno punti da qui a fine campionato. La gara ha visto gli ospiti del Cellole fallire tantissime occasione e come recitano i copioni del calcio, è stato punito al 90° con una reti in mischia. Al 6° Carlucci serviva Paduano, il quale dai 16 metri spediva tra le braccia di Veneziano. Al 11° Mirra raccoglieva di testa una punizione di Martino, ma Veneziano deviava oltre la traversa. Al 14° era Mirra che dalla sinistra metteva al centro per la testa di Martino, ma Veneziano deviava di nuovo oltre la traversa. Al 15° Martino dalla sinistra tirava verso la porta avversaria, all’altezza del 2° palo Azzuè mancava l’impatto con la sfera a porta vuota. Al 18° Mirra con un diagonale dalla sinistra sfiorava la base del palo alla sinistra di Veneziano. Al 23° era Azzuè che con un diagonale dalla sinistra spaventava Veneziano. Al 24° Paduano impegnava dai 16 metri Veneziano, il quale con un bel colpo di reni deviava oltre la traversa, sull’angolo successivo calciata dalla destra da Martino si inseriva magistralmente D’Amico, il quale di interno destro metteva alle spalle dell’incolpevole Veneziano. Al 32° Codella serviva Marcello in area avversaria, ma l’intervento di Cimino sventava il pericolo. Al 41° Azzuè con una rovesciata in area avversaria spediva di poco sul fondo. Al 44° Lucciola colpiva di testa, ma la sua conclusione terminava di un soffio sul fondo. Al 1° munito del secondo tempo Azzuè conquistava palla e si portava al tiro dai 16 metri, la sua conclusione terminava alta. Al 51° si inseriva bene Guida, il quale saltava un avversario e tirava verso la porta di Veneziano colpendo la base del palo alla sinistra del numero 1 locale. Al 55° Lucciola tirava alto da buona posizione. Al 64° gli ospiti raddoppiavano, Guida serviva centralmente Martino, il quale a tu per tu con Veneziano in uscita si faceva respingere la conclusione dal numero 1 locale, sulla respinta si portava Guida che da fuori area siglava il 2 a zero in proprio favore. Al 76° i locali accorciavano le distanze con una gran gol di Reccolani, il numero 6 locale si coordinava bene e da circa 24 metri colpiva ottimamente di esterno destro mettendo la sfera in rete alla destra dell’incolpevole Migliore. Al 84° Martino dalla destra metteva al centro e Santagata all’altezza del 2° palo con Veneziano ormai fuori gioco non trovava l’impatto con la sfera. Al 87° Santagata si presentava a tu per tu con Veneziano e falliva incredibilmente una facile occasione tentando un pallonetto che finiva tra le braccia di Veneziano. Al 88° si involava Martino e da solo con Veneziano in uscita spediva incredibilmente sul fondo. Al 90° arrivava la beffa per la capolista, in una mischia in area si inseriva Codella che spediva alle spalle di Migliore per il pareggio. Nei minuti di recupero e per la precisione al 94° era Mazzone che si faceva parare la sua conclusione da Veneziano, il quale in modo molto reattivo usciva alla disperata sui piedi del difensore ospite sventando il pericolo.     



10/03/2012 Quinta di Ritorno
A.S. Cellole  – U.S.D. Pietramelara =  1 – 0

AS Cellole: Migliore, D’Amico, Mirra, Guida, Mazzone, Cimino, Martino, Carlucci, Paduano,(70° Santagata V,85° Lisenni), Ruberto, Lucciola.  
A disposizione: Breglia, Iovino, Di Serio, Azzuè, Lamberti.
All. Michele Cimino.

USD Pietramelara: Della Cioppa, Di Nuzzo, Squillacioti E I°, Bonafiglia, Di Rosa,(71° Masiello), Vera, Squillacioti M, Zannito,(84° Amoroso), Squillacioti E II°, Leonardo, Santagata GL,(39° Santagata N).
A disposizione: Natale V, Natale M, Leardi, Santagata V.
All. Giovanni Palmiero  

Arbitro:        Sig. Enrico Celiento di Frattamaggiore

Marcatori:   22° Mirra (Cellole)  

Ammoniti:   Mirra, Guida, Mazzone, Carlucci, Paduano, (Cellole)       
                     Di Nuzzo, Squillacioti E I°, Squillacioti M, Zannito, (Pietramelara)

Espulsi : 75° Ruberto F (Cellole) per trattenuta.    

Cellole: (Giuseppe Verrico)  Il Cellole se pur privo di capitan Bartolini squalificato, Iovino e Di Serio infortunati ha la meglio della capolista, termina la gara con un risultato che premia i locali, ma penalizza oltremodo gli ospiti, i quali non meritavano la sconfitta e tornano da questa trasferta con zero punti ma con la consapevolezza di non aver meritato la sconfitta. La rete della vittoria è stata messa a segno da Mirra, il quale da difensore sinistro ha raggiunto la quota sbalorditiva di 9 reti, confermandosi capocannoniere del Cellole. La rete della vittoria i ragazzi con Mirra in testa l’hanno dedicata all’estremo difensore Migliore, il quale nonostante 4 ore prima della gara ha preso parte al funerale di suo padre, ha ritenuto opportuno partecipare comunque alla gara in programma, Cellole calcistica ne terrà conto di questa ennesima dimostrazione di attaccamento ai colori sociali rossoblu. La gara ha visto un Cellole cinico portarsi a casa 3 punti con l’unico tiro in porta effettuato, la sfera calciata dalla lunetta dell’area di rigore al 22° del primo tempo da Mirra si infilava alle spalle dell’estremo difensore ospite, il quale nell’occasione si faceva sorprendere sul proprio palo. Dalla rete realizzata dal Cellole in campo si è vista solo una squadra proporsi in avanti, gli ospiti del Pietramelara hanno attaccato per tutti i restanti minuti di gioco, occasioni pericolose nella zona di Migliore non ce ne sono state, ma hanno avuto un possesso di palla superiore ai locali. Gli ospiti hanno molto protestato nei confronti del direttore di gara, al minuto 64° quando Migliore usciva alla disperata dalla propria area cercando di opporsi allo scatenato Squillacioti Michele, il direttore di gara ammoniva lo stesso Squillacioti per una presunta entrata pericolosa sull’estremo difensore locale, ma la compagine allenata da mister Palmiero reclamava un evidentissimo tocco di mano fuori area da parte di Migliore, il direttore di gara non cambiava idea e confermava l’ammonizione dell’attaccante ospite. Al 30° Migliore si opponeva con i pugni ad una potente conclusione di Leonardo su punizione. Al 39° Leonardo sparava alto su un astiss di Zannito. Al 47° era ancora Leonardo a sfiorare il palo alla destra di Migliore con un calcio di punizione calciata dai 20 metri. Al 66° Leonardo calciava un corner dalla destra, il nuovo entrato Nicola Santagata all’altezza del secondo palo colpiva indisturbato di testa, ma la sua conclusione terminava sul fondo, sul rilancio successivo effettuato da Migliore, Francesco Ruberto si veniva a trovare a tu per tu con Della Cioppa, ma incredibilmente spediva sul fondo fallendo in questo modo la possibile rete che avrebbe chiuso la gara. Al 71° mister Palmiero toglieva un difensore per l’inserimento di una quarta punta, tentando così il tutto per tutto, ma il risultato non cambiava. Al 74° Leonardo sulla destra saltava un paio di avversari e dal fondo metteva al centro per l’accorrente Zannito, la conclusione del numero 8 ospite terminava alta. Al 75° il direttore di gara espelleva ingiustamente Francesco Ruberto per una trattenuta nella zona centrale del campo, incredulità e stupore si leggeva sul viso dell’attaccante rossoblu e sotto una marea di fischi diretti al direttore di gara, il numero 10 locale era costretto a lasciare il terreno di gioco. Il Cellole con questa vittoria aggancia in vetta proprio il Pietramelara  a quota 35 punti, la prossima giornata farà visita al Carinola, mentre il Pietramelara ospiterà il Real Francolise.       

04/03/2012 Quarta di Ritorno
Real Piedimonte – A.S. Cellole =  1 – 1

Real Piedimonte: Alfieri, Palmieri, Martino F, Varone, Di Biasio, Codella, Martino M, Pignataro, Martino G, Crolla,(69° Gallinaro), Rea.
A disposizione: Sangermano, Fusco.
All. Salvatore Coletta

AS Cellole: Migliore, D’Amico, Mirra, Paduano,(85° Azzuè), Mazzone, Cimino, Martino, Carlucci, Ruberto F, Bartolini,(80° Lisenni), Lucciola.
A disposizione: Breglia, Iovino, Di Serio, Gambardella, Lamberti.
All. Michele Cimino.

A r b i t r o : Sig. Alexander Nigel di Napoli

Marcatori:    55° Mirra (Cellole) –  86° Martino G (Real Pideimonte)

Ammoniti:    Pignataro, Martino G, Crolla, (Real Piedimonte)       
                     Martino G, Ruberto, Bartolini, (Cellole)

Espulsi :  87° Varone (Real Piedimonte) per doppia ammonizione

Piedimonte di Sessa Aurunca: (Giuseppe Verrico) Il Real Piedimonte si rivela al bestia nera del Cellole, dopo la cocente sconfitta inflittagli all’andata, il Cellole di mister Cimino viene bloccata sul pari dal Real Piedimonte, questa volta i locali biancazzurri del Presidente Martino hanno conquistato il pareggio allo scadere, dopo che gli ospiti hanno fallito un paio di nitide occasioni con Francesco Ruberto. La gara è stata quasi interamente controllata dagli ospiti che nulla hanno concesso ai locali guidati in panchina da mister Coletta, un’indecisione allo scadere e poco sangue freddo in zona gol hanno fatto si che il Cellole tornasse da questa difficile trasferta con solo un punto. Al 11° Ruberto direttamente da punizione impegnava Alfieri. Al 17° D’Amico metteva al centro per la testa di Mirra che spediva sul fondo. Al 21° Mirra con un gran tiro su punizione dai 25 metri sfiorava la base del palo alla sinistra di Alfieri. Al 25° secondo fallo di mano in fase di attacco fatto da Varone, ma il direttore di gara avendolo ammonito solo un paio di minuti prima sempre per fallo di mano non riteneva di estrarre il secondo cartellino, graziando così il capitano biancazzurro. Al 30° Pignataro si portava al tiro dai 28 metri, un falso rimbalzo sul terreno costringeva l’estremo difensore ospite Migliore alla presa in due tempi. Al 40° l’arbitro non sanzionava Martino Giuseppe del Real Piedimonte con un secondo cartellino giallo per una evidentissima trattenuta, forse perché solo un paio di minuti prima lo aveva ammonito sempre per lo stesso motivo. Terminava il primo tempo con reti inviolate e con poche azione pericolose sia da una parte che dall’altra, da segnalare solo una certa padronanza territoriale da parte degli ospiti. Al 48° Mirra si incaricava di calciare una punizione dai 25 metri, interno sinistro e palla deviata in angolo da Alfieri, l’estremo difensore locale in questa occasione effettuava una parata che strappava applausi ai quasi 400 spettatori accorsi a gustarsi il derby. Al 52° dalla sinistra Mirra lasciava partire un tirocross che Alfieri smanacciava malamente, ma Di Biasio interveniva prontamente salvando la propria porta riuscendo a spazzare la sfera proprio sulla linea. Al 55° Bartolini serviva perfettamente Ruberto, il quale a tu per tu con Alfieri si faceva respingere in angolo la sua debole conclusione, sull’angolo successivo calciato da Ruberto, Mirra metteva in rete approfittando di una mischia in area del Real Piedimonte. Al 76° Migliore rilanciava dalla propria area, la sfera giungeva a Martino, il quale di tacco liberava ottimamente Ruberto, il numero 9 ospite si veniva a trovare a tu per tu con Alfieri, ma clamorosamente falliva la ghiotta occasione tentando un pallonetto che terminava fra le mani di Alfieri. Quando la gara sembrava che si stesse avviando verso la fine con la vittoria degli ospiti, arrivava la rete dei locali, Mirra al limite della propria area di rigore si faceva rubare palla da Martino Giuseppe, il quale si portava nella zona centrale appena fuori area e lasciava partire un gran bolide che terminava nell’incrocio alla destra di Migliore.


25/02/2012 Terza di Ritorno
A.S. Cellole  – G.S. Casale di Teano =  4 – 1

AS Cellole: Migliore, D’Amico, Mirra, Paduano, Mazzone, Cimino, Martino, Iovino,(30° Di Serio), Ruberto,(75° Azzuè), Bartolini, Lucciola,(55° Lisenni).  
A disposizione: Breglia, Carlucci, Gambardella, Lamberti.
All. Michele Cimino.

Casale di Teano: Guarriello Ge, Pascaru, Palermiti,(46° Giardino), Bove, De Giglio, Feola, Piccirillo,(51° Adducci), Rotondo, Ariano,(72° Mancini), Caparco, Guarriello Gi.
A disposizione: D’Alessandro, Laurenza, Landolfi, Zanni.
All. Giovanni De Angelis  

Arbitro:        Sig. Pio Stefano Imperato di Castellammare di Stabia

Marcatori:   2° Mirra (Cellole) – 26° Martino (Cellole) – 35° Ruberto (Cellole) – 69° Lisenni (Cellole) – 87° Bove (Casale di Teano).

Ammoniti:   Di Serio, (Cellole)       
                    De Giglio, Piccirillo, Caparco, (Casale di Teano)

Espulsi : ---------    

Cellole: (Giuseppe Verrico)  Quarta vittoria consecutiva per il Cellole di mister Cimino, vittoria che l’intera squadra dedica a Claudia (una fan della squadra che segue costantemente le sorti della compagine domiziana), nel giorno del suo 24° compleanno. La gara si metteva subito in discesa per i rossoblu capitanati da Bartolini, infatti al 2° minuto Mirra si incaricava di calciare una punizione dai 18 metri, interno sinistro perfetto e palla in rete alla sinistra dell’immobile Gennaro Guarriello. Al 26° Francesco Ruberto serviva sulla sinistra Giuseppe Martino, il quale in corsa colpiva con l’esterno sinistro, tentando un pallonetto all’estremo difensore ospite, ma il numero 1 del Casale di Teano con un bel colpo di reni riusciva a deviare la sfera oltre la traversa, sull’angolo scaturito dalla precedente azione arrivava la seconda rete per i locali, si incaricava di battere il corner Lucciola, parabola perfetta per la testa di Giuseppe Martino e palla in rete per il momentaneo due a zero. Al 35° Giuseppe Martino si involava in contropiede, cogliendo di sorpresa la retroguardia ospite, arrivato al limite serviva l’accorrente Francesco Ruberto, il quale con un perfetto diagonale metteva alle spalle dell’incolpevole Guarriello. Terminava il primo tempo con i locali in vantaggio di tre reti che ben faceva sperare i tifosi locali. Al 59° era chiamato all’intervento anche l’estremo difensore del Cellole Davide Migliore, il numero 1 locale veniva impegnato dal numero 10 ospite Caparco, il quale si portava al tiro dai 20 metri costringendo Migliore alla parata in due tempi. Al 69° D’Amico si involava sulla destra e lasciava partire un lungo traversone che giungeva dalle parti del nuovo entrato Lisenni, l’esterno rossoblu aveva tutto il tempo di coordinarsi e colpire la sfera al volo, traiettoria perfetta e palla in rete alle spalle di Guarriello. Al 85° il nuovo entrato Azzuè si involava in contropiede in modo molto altruistico serviva l’accorrente Martino, il quale si portava al tiro da dentro area e coglieva in pieno il palo alla sinistra di Guarriello. Al 87° arrivava la rete della bandiera per gli ospiti, dalla destra Bove lasciava partire un gran diagonale che Migliore toccava con la punta delle dita ma non riusciva comunque ad evitare la rete del 4 a 1 definitivo che chiudeva l’incontro. Nella prossima giornata il Casale di Teano ospiterà il Real Francolise e il Cellole sarà impegnato nel derby aurunco sul campo del Real Piedimonte.  

19/02/2012 Seconda di Ritorno
Bayern Caserta – A.S. Cellole =  1 – 7

Bayern Caserta: Pascariello, Di Leva,(73° Napolitano F), Leone, Grieco, Loffredo,(46° Ferraiuolo), Pasquariello, Rondinone, Manzi,(65° Scialla), Della Rocca, Sigillo, Diglio.
A disposizione:
All. Antonio Napolitano

AS Cellole: Migliore,(65° Breglia), D’Amico, Mirra, Guida,(50° Gambardella), Lamberti, Cimino, Martino, Iovino, Ruberto F, Bartolini,(46° Lisenni), Di Serio.
A disposizione: Azzuè.
All. Michele Cimino.

A r b i t r o : Sig. Giuseppe Amodeo di Napoli

Marcatori:    4° e 62° Mirra (Cellole) – 19° Bartolini (Cellole) – 26° Ruberto F (Cellole) – 38° Sigillo (rig) (Bayern CE) – 44° Martino (Cellole) – 45° D’Amico (Cellole) – 64° Lisenni (Cellole)

Ammoniti:    Manzi, Grieco, Pasquariello, Diglio, (Bayren Caserta)       
                     Mirra, Guida, Di Serio, (Cellole)

Espulsi :  --------

Caserta: (Giuseppe Verrico) Il Cellole di mister Cimino continua nella sua marcia in vista della vetta della classifica, se pur privi dello squalificato Mazzone e degli infortunati Paduano e Carlucci, i rossoblu capitanati da Bartolini non hanno avuto problemi nel sbarazzarsi della pratica Bayern Caserta. Al 4° dalla destra Ruberto F. faceva partire un cross che Pascariello non tratteneva, ne approfittava Mirra, il quale prima gli soffiava la sfera e poi depositava in rete a porta sguarnita. Al 14° D’Amico dalla destra lasciava partire un gran diagonale che sfiorava la base del palo alla destra di Pascariello. Al 18° Iovino imbeccava ottimamente Ruberto leggermente defilato a destra, il bomber lasciava partire un gran destro al volo che sfiorava il palo alla destra di Pascariello. Al 19° era Bartolini che in veste di rifinitore metteva al centro per Ruberto, gran tiro a volo del numero 9 ospite e deviazione decisiva in angolo di Grieco, sull’angolo successivo calciato da Mirra, Bartolini lasciato colpevolmente solo dalla retroguardia locale colpiva ottimamente di testa mettendo alle spalle dell’incolpevole Pascariello il raddoppio. Al 26° Iovino apriva gioco a sinistra per Ruberto, magia del numero 9 ospite che prima si liberava del suo diretto marcatore e poi dal limite calciava di interno destro, palla in rete alla sinistra di Pascariello per il 3 a zero. Al 28° D’Amico serviva Martino, controllo e tiro a porta vuota del numero 7 ospite e palla incredibilmente sul fondo. Al 38° Sigillo calciava dalla lunga distanza, la sfera terminava sul palo alla destra di Migliore e rientrava in campo, Di Serio preso in controtempo dalla strana traiettoria della sfera, colpiva quest’ultima con la mano, calcio di rigore ineccepibile e ammonizione per il terzino rossoblu, sul dischetto si portava Sigillo che con una gran tiro accorciava momentaneamente le distanze. Al 44° Bartolini con un perfetto lancio serviva Martino sulla sinistra, dribbling a rientrare di Martino e preciso tiro nell’angolino basso alla destra di Pascariello per il 4 a 1 in favore del Cellole, passava solo un minuto e D’Amico servito ottimamente da Martino metteva il rete la quinta rete per gli ospiti. Nei minuti di recupero del primo tempo Manzi colpiva di testa in area di rigore del Cellole obbligando Migliore all’intervento. Al 48° Rondinone calciava una punizione dai 20 metri che Migliore parava a terra. Al 58° era ancora Rondinone a scaldare le mani a Migliore, il numero 1 ospite respingeva un gran tiro dell’ala locale. Al 62° Mirra si incaricava di calciare una punizione dai 22 metri, interno sinistro perfetto e palla in rete alla sinistra di Pascariello, il quale riusciva a toccare la sfera ma non di quel tanto da evitare la rete. Al 64° Gambardella dalla destra metteva al centro, velo di Martino e palla che giungeva sui piedi di Lisenni, il quale tutto solo aveva tutto il tempo per prendere la mira e siglare il definitivo 7 a 1 in favore del Cellole. Al 67° superlativo era Migliore che negava ancora la rete ai locali su una incursione di Rondinone. Al 70° esordiva nelle fila del Cellole il giovane Breglia che prendeva il posto di Migliore, il giovane Breglia veniva subito severamente impegnato al 82° quando era chiamato a respingere a terra un ravvicinato tiro di Sigillo. Al 89° Gambardella si divorava la possibile ottava rete in favore del Cellole, sfruttando un perfetto lancio di Cimino. Terminava la gara con un risultato rotondo in favore degli ospiti che stanno decisamente puntando la zona alta della classifica. Discorso inverso invece per i locali, i quali dovranno rivedere qualcosa in vista dell’avvicinarsi delle ultime gare di campionato.

11/02/2012 Prima di Ritorno
A.S. Cellole  – Real Francolise =  4 – 0

AS Cellole: Migliore, D’Amico, Mirra, Guida, Mazzone, Cimino, Martino,(75° Gambardella), Carlucci, Ruberto, Bartolini,(65° Di Serio)), Paduano,(40° Iovino).  
A disposizione: Breglia, Lisenni, Lepore, Lamberti.
All. Michele Cimino.

Real Francolise: Merola, Cervone, Di Pasquale M, Campaniello, Palmiero, De Novellis, De Magistris,(56° Parisi), Esposito, Nave, Marino, Mezzarano.
A disposizione: Savino, Esposito, Spagnuolo
All. Domenico Di Pasquale  

Arbitro:        Sig. Vincenzo Castropignano di Ercolano

Marcatori:   41° D’Amico – 49° e 83° Ruberto F – 67° Mirra

Ammoniti:  Mirra, Ruberto, (Cellole)       
                    Esposito, Marino, (Real Francolise)

Espulsi : ---------    

Cellole: (Giuseppe Verrico)  Gara senza storia per il Cellole che fa un sol boccone della capolista Real Francolise, dopo aver battuto l’altra pretendente alla vittoria del campionato Real Martinese, oggi il Cellole rifilava un secco poker alla capolista che non da adito a nessuna recriminazione. Al 1° Mirra in percussione sulla sinistra si portava al tiro che risultava facile preda dell’ottimo piazzato Merola. Al 3° dribbling secco su un paio di avversari da parte di Francesco Ruberto e conclusione di un soffio oltre la traversa per il bomber rossoblu. Al 7° Bartolini apriva per Ruberto, il quale metteva al centro per l’accorrente Guida, tiro dai 14 metri e palla di un niente alta. Al 22° Mirra per Ruberto sulla sinistra, cross al centro immediato per Paduano, il tiro del centrocampista rossoblu terminava alto con Merola immobile che osservava la traiettoria. Al 31° Paduano si portava al tiro dopo aver saltato De Novellis, ma la sua conclusione veniva deviata da Merola in angolo, il numero 1 ospite con un bel colpo di reni riusciva a deviare oltre la traversa. Al 41° il nuovo entrato Iovino al suo primo tocco di palla metteva D’Amico nelle condizioni di andare al tiro, diagonale vincente dell’esterno rossoblu e palla in rete per il vantaggio dei locali. Al 45° era Ruberto che sfiorava di testa un perfetto cross calciato dalla destra da Martino. Al 49° Iovino lanciava sulla destra D’Amico, il quale dal fondo metteva al centro dove un difensore ospite lisciava clamorosamente la sfera, sfera che giungeva sui piedi di Francesco Ruberto, il quale da pochi passi spiazzava Merola e metteva in rete il raddoppio. Al 59° Merola negava con una decisiva deviazione la seconda personale rete a Francesco Ruberto. Al 61° si registrava il primo intervento da parte di Migliore, il numero 1 locale parava agevolmente un tiro dalla lunga distanza da parte di Marino. Al 64° Marino calciava una punizione che Mirra di testa spazzava, sulla sfera si avventava il nuovo entrato Parisi, che andava al tiro spedendo la sfera sull’esterno della rete alla destra di Migliore. Al 67° arrivava il terzo astiss decisivo di Iovino, questa volta Iovino serviva Mirra, il quale vinceva un contrasto con Campaniello e arrivato ai 16 metri calciava la sfera con un preciso interno destro, nulla da fare per Merola costretto a raccogliere la terza sfera dalla propria rete. Al 82° Parisi in sospetta posizione di fuori gioco non rilevata dal direttore di gara si involava verso la porta difesa da Migliore, il quale con il corpo riusciva a respingergli il tiro, sull’azione che nasceva dalla respinta di Migliore arrivava la quarta rete per i padroni di casa, Francesco Ruberto con la sua specialità metteva alle spalle di Merola da circa 20 metri un rete da applausi, colpiva la sfera di interno destro e toglieva le ragnatele dall’incrocio alla sinistra di Merola. Al 88° era Nave che dai 18 metri impegnava Migliore, il quale parava alto in modo abbastanza agevole. Buona la direzione di gara del giovane Vincenzo Castropignano di Ercolano che ha sapientemente tenuto in mano una non facile gara.

28/01/2012
A.S. Cellole  – Real Martinese =  1 – 0

AS Cellole: Migliore, D’Amico,(70° Gambardella), Mirra, Guida, Mazzone, Cimino, Azzuè, Carlucci, Ruberto, Bartolini, Lucciola.  
A disposizione: Breglia, Di Serio, Lisenni, Lepore, Lamberti.
All. Michele Cimino.

ASD Real Martinese: Falconetti, De Matteo,(79° De Gennaro), Ventrone,(78° Zigurella), Di Palma, Avenia L, Cipullo,(64° Sticco), Castaldo, Rinaldi, Losano, Palombi, Avenia G.
A disposizione: Cipullo Luca  
All.

Arbitro:        Sig. Ruggiero Volpe di Napoli

Marcatori:   82° Mirra

Ammoniti:   Cimino, Azzuè, Bartolini, Lucciola, (Cellole)       
                    Avenia L, Castaldo, Palombi, (Real Martinese)

Espulsi : ---------    

Cellole: (Giuseppe Verrico)  La fortuna aiuta gli audaci, ed oggi dopo tanta sfortuna il Cellole di mister Cimino ha realizzato la rete della vittoria nel finale di partita grazie ad una punizione calciata da Mirra e deviata dalla barriera, deviazione fondamentale dato che l’incolpevole Falconetti nulla ha potuto contro la decisiva deviazione. Gli ospiti si sono presentati al comunale di Cellole con il chiaro intento di portare a casa un punto, dall’altra parte hanno trovato i locali che se pur privi di Giuseppe Martino squalificato e degli infortunati Paduano e Iovino, hanno sfoderato una buona prestazione meritando alla fine i tre punti. Pronti via e Lucciola si involava sulla sinistra entrando in area da posizione defilata, sulla sua conclusione si opponeva alla grande l’estremo difensore ospite Falconetti che con il corpo in uscita alla disperata deviava in angolo. Al 9° Di Palma colpiva di testa in area del Cellole, ma la sua conclusione terminava sul fondo alla sinistra di Migliore. Al 14° Bartolini si incaricava di calciare un corner dalla destra, in area svettava di testa Carlucci e la palla terminava sul fondo alla sinistra di Falconetti. Al 44° Francesco Ruberto dalla grande distanza calciava una punizione che sorvolava di un niente la traversa della porta difesa da Falconetti. Al 59° Lucciola si involava sulla sinistra e arrivato sul fondo metteva al centro un perfetto traversone per la testa di Mirra, il numero 3 locale colpiva ottimamente di testa, ma splendida è stata la risposta di Falconetti, il quale con un bel colpo di reni deviava oltre la traversa. Al 67° Palombi apriva gioco a sinistra per Losano, il quale veniva ottimamente anticipato da D’Amico nel momento di colpire verso la porta difesa da Migliore. Al 70° mister Cimino fa uscire un difensore per l’inserimento di una punta tentando il tutto per tutto per vincere la partita. Al 75° Francesco Ruberto calciava una punizione dai 25 metri, l’estremo difensore ospite Falconetti aiutato dalla propria stazza parava in presa alta. Al 82° i locali pervenivano al vantaggio, per un fallo sul capitano Bartolini il direttore di gara Volpe di Napoli decretava un calcio di punizione a circa un paio di metri dall’area di rigore della squadra ospite, si incaricava di calciare la punizione Mirra, il quale aiutato da una decisiva deviazione della barriera realizzava la rete della vittoria. Ultimi minuti con il Cellole in pieno controllo del risultato e gli ospiti che tentavano una reazione, la quale non portava i frutti sperati.    

22/01/2012
Alvignano – A.S. Cellole =  1 – 1

Alvignano: Pinelli F, Zullo A,(62° Mongillo M ), Altieri P, Ianniello, Mastroianni, Gargiulo, Mongillo L,(46° Pinelli D.), LaVecchia O, Altieri L, Offreda, Valentino,(74° Melillo).
A disposizione: Mascaro.
All. Nino Italo Di Leone

AS Cellole: Migliore, D’Amico, Mirra, Guida, Mazzone, Cimino, Martino,(85° Azzuè), Carlucci,(70° Bartolini), Lucciola, Ruberto F, Di Serio.
A disposizione: Breglia, Gambardella, Lepore, Lisenni, Lamberti F.
All. Michele Cimino.

A r b i t r o : Sig. Vito Antonio Ignarra di Torre del Greco

Marcatori:    6° Mirra, (Cellole) – 58° Offreda (rig) (Alvignano)

Ammoniti:    Zullo, La Vecchia, Altieri L, (Alvignano)       
                     D’Amico, Mirra, Lucciola, (Cellole)

Espulsi :  --------

Alvignano: (Giuseppe Verrico) Altri punti preziosi persi dal Cellole, un rigore al 58° della gara penalizza oltremodo i ragazzi di mister Cimino, rei di non aver chiuso la gara in anticipo, infatti dopo l’iniziale rete di Mirra, gli ospiti hanno fallito diverse occasioni da rete ed hanno subito il pareggio dal dischetto. Al 4° Martino G, dalla destra crossava per l’accorrente Lucciola, il quale si coordinava e calciava da ottima posizione, ma la sua conclusione terminava sulla rete esterna della porta difesa da Pinelli. Al 6° arrivava il vantaggio degli ospiti, dalla sinistra Francesco Ruberto calciava un perfetto corner, Mirra appostato all’altezza del 2° palo di testa realizzava. Al 16° Martino G serviva ottimamente Francesco Ruberto, tiro al volo del numero 10 ospite e palla alta oltre la traversa. Al 22° Altieri L apriva gioco a destra servendo Offreda, tiro immediato dell’attaccante locale con deviazione in angolo di Cimino. Al 33° Francesco Ruberto metteva al centro da destra, ma D’Amico veniva anticipato di un soffio da Gargiulo nel momento di calciare a rete. Al 37° Offreda serviva Altieri L, gran tiro del numero 9 locale che terminava di un soffio sul fondo alla destra di Migliore. Al 40° bella triangolazione Martino Ruberto Martino, che portava Martino al tiro da posizione invitante, ma la sua conclusione centrale veniva parata a terra da Pinelli. Al 45° Francesco Ruberto con destrezza si liberava di un paio di avversari in area di rigore e di interno destro tentava il tiro da posizione defilata a sinistra, la sfera calciata ottimamente scheggiava la parte alta della traversa. Iniziava il secondo tempo con i locali più determinati, al 46° era Altieri L che in area falliva una facile occasione, perdendo l’attimo propizio si faceva recuperare dalla difesa ospite. Al 51° Mirra serviva Francesco Ruberto, il quale si portava al tiro dai 25 metri, la conclusione veniva parata in due tempi con qualche difficoltà da Pinelli. Al 58° il Sig. Ignarra di Torre del Greco decretava un calcio di rigore in favore dei locali per un intervento di D’Amico ai danni di Altieri P, la decretazione del calcio di rigore scatenava le proteste degli ospiti, i quali asserivano che l’intervento in gamba tesa fatto da D’Amico doveva essere sanzionato con una classica punizione a due in area, il direttore di gara fermo sulla sua decisione faceva battere il calcio di rigore, sul dischetto si portava Offreda, il quale con un forte tiro centrale siglava la rete del pareggio. Al 66° gli ospiti sfiorava il vantaggio, Lucciola si involava sulla sinistra e da dentro area tirava verso la posta difesa da Pinelli, ignorando del tutto due suoi compagni liberi all’altezza del dischetto di rigore, la conclusione veniva deviata in angolo dall’estremo difensore locale. Al 91° il nuovo entrato Azzuè, creava scompiglio nella retroguardia locale, entrava in area da destra e metteva al centro un invitante pallone per l’accorrente Lucciola, ma il decisivo intervento di Mongillo M in anticipo su Lucciola sventava il pericolo. Terminava la gara con un pari che alla fine scontenta un po’ tutti, specialmente gli ospiti che avendo fallito diverse occasioni per il raddoppio, portano a casa solo un punto.

14/01/2012
A.S. Cellole  – Real Teano Calcio =  7 – 1

AS Cellole: Migliore, D’Amico, Mirra, Guida,(75° Lisenni), Mazzone, Lamberti, Gambardella, Carlucci, Paduano,(55° Lepore), Ruberto, Lucciola,(46° Azzuè).  
A disposizione: Di Serio, Bartolini, Cimino.
All. Michele Cimino.

ASD Real Teano Calcio: Micillo, Ricciardi, Turco, Montanaro,(49° Montaquila), Scoglio A, Chece, Grande R, Mezzorana, Grande E, Grande G,(46° Tranchedone), Tramontana,(54° Martino).
A disposizione: Izzo, Croce, De Fusco A.  
All. Giovanni Scoglio

Arbitro:        Sig. Giorgio Spina di Ercolano

Marcatori:   13° Mirra – 29° Carlucci – 33° Guida – 35° Ruberto F – 38° Paduano – 66° Lisenni – 79° Azzuè – 86° Grande E (Real Teano)

Ammoniti:   -------- (Cellole)       
                    Montanaro, (Real Teano)

Note: al 59° Lamberti si fa parare un rigore da Micillo

Espulsi : ---------    

Cellole: (Giuseppe Verrico)  Partita facile facile per il Cellole di mister Cimino, dopo la cocente sconfitta patita in quel di Castel di Sasso, gli undici di Cellole si riscattavano alla grande rifilando sette reti al malcapitato Real Teano, ospiti privi di De Fusco D, Balbo e Castrone non hanno mai impensierito la squadra locale, la quale pativa anch’essa assenze importanti, infatti mancavano Giuseppe Martino per un lutto in famiglia e Iovino per infortunio. Prima della gara Davide Migliore il portiere del Cellole riceveva una targa ricordo dalla società per i suoi 50 anni compiuti proprio oggi. La gara non ha avuto storia dall’inizio alla fine con un netto dominio dei locali, al 13° i rossoblu passavano in vantaggio con Mirra, il quale dopo uno scambio con Paduano si portava al centro e metteva in rete con l’interno sinistro. Al 29° arrivava il raddoppio dei locali, Gambardella dalla destra calciava un corner, a centro area D’Amico controllava e serviva Carlucci, il centrocampista locale da pochi passi ribadiva in rete. Al 33° Paduano lanciava Guida, il quale con un pallonetto metteva alle spalle di Micillo la terza rete. Al 35° Francesco Ruberto direttamente su punizione calciata dai 22 metri metteva alle spalle di Micillo il poker. Passavano solo 3 minuti e arrivava il pokerissimo, Francesco Ruberto lanciava ottimamente Paduano, la mezzala rossoblu dopo aver fallito diverse occasione riusciva prima a saltare il portiere in uscita e poi a depositare in rete la quinta rete. Iniziava il secondo tempo e al 59° l’arbitro decretava un calcio di rigore in favore del Cellole per un fallo di mano da parte di un difensore ospite, dato il risultato già abbondantemente acquisito sul dischetto si portava il difensore Lamberti, ma Micillo riusciva a respingere il forte tiro scagliato dal difensore locale. Al 66° arrivava la sesta rete in favore dei locali, dalla destra Gambardella faceva partire un lungo traversone, all’altezza del secondo palo il nuovo entrato Lisenni si coordinava ottimamente e colpiva al volo di sinistro, la sfera si insaccava nell’incrocio opposto alle spalle dell’incolpevole Micillo. Al 72° ancora Micillo in evidenza, infatti il numero 1 ospite riusciva con un bel tuffo alla sua destra a respingere un bel tiro a giro di Gambardella. Al 79° Azzuè in pressing su Chece riusciva ad avere la meglio conquistando palla, il nuovo entrato saltava anche il portiere e depositava in rete la settima rete per la propria squadra. Al 86° arrivava la rete della bandiera degli ospiti, Lamberti al limite della propria area di rigore si faceva rubar palla da Eduardo Grande, il quale con un gran tiro di destro scheggiava la parte bassa della traversa e metteva in rete alle spalle dell’incolpevole Migliore.

08/01/2012   9ª   Giornata
SS Castel di Sasso – A.S. Cellole =  1 – 0

SS Castel di Sasso: Romano, Luongo,(59° Esposito L.), Petruccione, Scaramuzzo,(62° Cusano), Mone, Simone, Esposito R, Esperti, Ferrari,(74° Prillo), Castaldo, Greco.
A disposizione: Di Cristo, Arezzo.
All. Giovanni Migliozzi

AS Cellole: Migliore, Di Serio, Mirra, Guida, Mazzone, Cimino, Ruberto F, Iovino,(25° Carlucci), Paduano, Bartolini, Lucciola.
A disposizione: Lamberti L, D’Amico, Lepore, Lisenni, Lamberti F.
All. Michele Cimino.

A r b i t r o : Sig. Pio Stefano Imperato di Castellammare di Stabia.

Marcatori:    66° Cusano (rig)

Ammoniti:    Petruccione, Esperti, (Castel di Sasso)       
                     Migliore, Guida, (Cellole)

Espulsi :  --------

Castel di Sasso: (Giuseppe Verrico) I padroni di casa con il minimo sforzo e senza aver mai tirato veramente nella porta difesa da Migliore, (se non nell’occasione del calcio di rigore) vincono la partita, portano a casa 3 punti e permettono all’estremo difensore locale Romano di allungare la sua imbattibilità. La squadra guidata da mister Migliozzi non ha ancora subito reti nelle gare in casa, c’è da aggiungere comunque che in 8 gare ha subito solo una rete. Gli ospiti del Cellole ci hanno provato in tutti i modi, prima a vincere la partita e subita la rete su rigore a cercare di pareggiare i conti, ma l’insuperabile Romano ha negato agli ospiti qualsiasi tipo di chance. Dopo un’iniziale sfuriata del Castel di Sasso, che nei primi 15 minuti manteneva in mano il pallino del gioco non concedendo quasi nulla agli avversari, ne seguivano altri 75 minuti di netto dominio ospite, i rossoblu di mister Cimino hanno trovato sulla loro strada una difesa quasi impenetrabile, pronta a spazzare in tribuna qualsiasi pallone vagante e un portiere oggi in giornata di grazia. Al 24° Lucciola dalla sinistra metteva al centro un invitante pallone sul quale si catapultava due calciatori del Cellole, con la conseguenza di ostacolarsi a vicenda, fallendo in questo modo una chiara e ghiotta occasione da rete. Al 36° Castaldo impegnava Migliore direttamente su calcio di punizione, l’attento estremo difensore ospite deviava oltre la traversa. Nel secondo tempo c’è stata una sola squadra in campo, si è giocato per tutti i 45 minuti nella metà campo del Castel di Sasso. Al 61° Lucciola si portava al tiro da ottima posizione, ma Romano di piede salvava miracolosamente il risultato. Al 65° Francesco Ruberto sulla fascia destra si cimentava in slalom, arrivato sul fondo metteva al centro per l’accorrente Lucciola, il quale colpiva al volo di sinistro, ma la sua conclusione terminava di poco alta. Al 66° l’arbitro decretava un calcio di rigore in favore della squadra di casa, Migliore dopo un pasticcio difensivo entrava in ritardo sui piedi di Ferrari, sul dischetto di portava il nuovo entrato Cusano che non falliva l’esecuzione, tiro forte e preciso alle spalle dell’incolpevole Migliore. Al 78° Francesco Ruberto dalla fascia destra lasciava partire un rasoterra sul quale interveniva Mirra in scivolata, ma Romano alla disperata con il corpo riusciva a respingere. Al 83° Guida sulla destra metteva al centro per Paduano, il centrocampista ospite colpiva di tacco da circa un paio di metri all’altezza del primo palo, ma Romano ancora una volta negava la gioia della rete alla squadra ospite. Al 89° era Mirra che su calcio di punizione molto defilata sfiorava il palo alla destra di Romano. In mezzo a tutte queste azioni messe in atto dalla squadra ospite, si dovrebbero segnalare anche tante altre azioni degne di nota, ma per evidenti motivi di spazio non sarà possibile. Appuntamento a sabato prossimo quando il Castel di Sasso farà visita alla capolista Real Francolise e il Cellole ospiterà il Real Teano, mentre il Castel di Sasso sarà chiamato ad un vero banco di prova, il Cellole potrà subito rifarsi per l’immeritata sconfitta.  


Giovanissimi 2011-2012
USS Giovani Calciatori Campani – AS Cellole =  1 – 5

USS Giovani Calciatori Campani: D’Alesio, Benvenuti,(2° st Bellofiore), Musella,(4° st Di Guida), Lamanna,(7° st Andreozzi), Cianciaruso,(9° st Andreozzi), Pisani,(16° st Piccolo),  Fabozzi,(22° st Musella), Petrone, Zada, Laird, Lecce(32° st Crispino).
A disp. = .
All. Vincenzo D’Aniello.

AS Cellole: Tommasino, Sivo Gi,(26° Simoniello), Talitro, Papa,(26° st Maciariello), Di Marzo,(26° st Romano), Passero, Caterino,(20° st Sorbo), Imparato, Agatone,(20° st Oliva), Gallinaro, Maisto.
A disp.=  Vozzolo, Pezzolo..
All. Franco Sorgente.


Arbitro Sig. Biagio Amodio di Caserta.

Marcatori:  13° pt Caterino (Cellole) – 19° pt e 19 st Agatone (Cellole) – 9° e 36° st Maisto (Cellole)
                  – 32° st Petrone (Giov. Calc. Campani)
                 
Ammoniti:   ----- (Giov. Calc. Campani)
                     ----- (AS Cellole)
                    

Espulsi: Nessuno.

Gricignano d’Aversa: (Giuseppe Verrico) I giovanissimi provinciali del Cellole guidati in panchina da mister Sorgente non conoscono ostacoli, alla terza di campionato conquistano la terza vittoria consecutiva, senza mai soffrire, mostrando un gran bel gioco orchestrato sotto la direzione tecnica dell’allenatore. La gara in programma era Giovani calciatori Campani e Cellole, gli ospiti del Cellole hanno sfoderato una prestazione da applausi portando a casa un meritata vittoria con il risultato di 5 a 1 in loro favore. Al 13° il Cellole passava in vantaggio grazie ad un tirocross effettuato da Caterino, la sfera si infilava nell’incrocio alla destra dell’incolpevole D’Alesio. Al 16° Agatone falliva una rete da pochi passi. Al 19° Caterino appoggiava a Maisto, il quale dai 16 metri faceva partire un gran tiro che D’Alesio era costretto a respingere, sulla respinta si catapultava Agatone che da due passi ribadiva in rete. Al 24° era Imparato che in corsa colpiva al volo da ottima posizione, ma la sua conclusione terminava di poco alta, passava solo un minuto e Maisto da ottima posizione sparava anch’esso alto. Al 8° della ripresa Agatone si divorava il solito gol già fatto, ma dopo solo un giro di lancette serviva su un piatto d’argento un pallone che Maisto appoggiava in rete per il 3 a zero in favore della propria squadra. Al 11° Agatone coglieva il palo su azione impostata da Maisto. Al 19° Agatone dribblava un paio di avversari e da due passi siglava la quarta rete per il Cellole. Al 32° i padroni di casa siglavano la rete della bandiera, Petrone partiva dalla sua metà campo e dato che nessun avversario lo impensieriva, arrivato al limite dell’area di rigore del Cellole faceva partire un gran bel tiro che si infilava nell’angolino basso alla sinistra di Tommasino. Al 35° il Cellole ripristinava le distanze, Maciariello conquistava palla nella sua zona e serviva in profondità Maisto, il quale si presentava a tu per tu con D’Alesio e con un preciso pallonetto siglava il definitivo 5 a 1 in favore del Cellole. Da sottolineare la grande lealtà sportiva fornita da tutti i giovani atleti in campo e dalle rispettive panchine. Squisita l’accoglienza riservata agli ospiti del Cellole, dalla locale società dei Giovani Calciatori Campani.    



17-12-2011 8ª Giornata
A.S. Cellole  – Fulgor Pignataro =  3 – 0

AS Cellole: Migliore, Di Serio, Lisenni, Lucciola,(75° Lepore), Mazzone, Lamberti, Martino,(80° Gambardella), Iovino,(60° Mirra), Paduano, Ruberto, Guida.  
A disposizione: Bove, Bartolini, Azzuè, Cimino.
All. Michele Cimino.

AS Fulgor Pignataro: Magliocca, Borrelli, Maiola, Nacca P, Carusone, Di Feola, Reina, D’Errico, Lagnese, Palmesano, Catone.
A disposizione:   
All. Giovanni Nacca

Arbitro:        Sig. Domenico Castaldo di Frattamaggiore

Marcatori:   11° Paduano (rig) – 50° Iovino – 74° Martino

Ammoniti:   Lamberti, (Cellole)       
                    Maiola, Nacca. Palmesano, (Pignataro)

Espulsi : ---------    

Cellole: (Giuseppe Verrico)  Il Cellole con i nuovi acquisti Ruberto, Mirra e Migliore, fa un sol boccone di un Pignataro presentatosi con ben quattro titolari mancanti, assenti per vari motivi, mancavano nelle fila della compagine di mister Nacca: Bortone, Grieco, Aurilio ed il bomber Penna. In campo la gara non ha avuto storia dall’inizio alla fine, il Cellole di mister Cimino, oggi in panchina perché ha lasciato spazio ad altri calciatori meno impiegati, ha dominato in lungo e largo la partita, il risultato è in qualche modo bugiardo, visto che la compagine domiziana ha fallito diverse occasioni da rete, principalmente con il rientrante Ruberto e l’instancabile Paduano. Al 1° il Cellole si faceva pericoloso con uno scambio in area avversaria di Paduano-Ruberto che metteva in crisi la retroguardia ospite. Al 3° Martino serviva Francesco Ruberto sulla destra, tiro da posizione defilata del numero 10 locale e palla che attraversava tutto le specchio della porta terminando la sua corsa sul fondo. Al 11° Magliocca fermava fallosamente in area Francesco Ruberto, l’arbitro decretava un calcio di rigore in favore del Cellole, ma incredibilmente non espelleva il numero 1 ospite, e paradossalmente nemmeno lo ammoniva, sul dischetto si portava Paduano che non falliva l’esecuzione. Al 16° dalla sinistra Lucciola calciava un corner per la testa di Di Serio, il difensore del Cellole colpiva ottimamente di testa, ma Magliocca si superava e respingeva la sfera. Al 24° dalla sinistra Lisenni metteva al centro un invitante pallone per Francesco Ruberto, il numero 10 locale controllava la sfera e tirava a botta sicura, ma miracolosamente Magliocca riusciva a deviare in angolo. Al 29° era Iovino a sfiorare la rete su punizione, Magliocca con uno strepitoso intervento riusciva a deviare in angolo. Iniziava il 2° tempo ed il Cellole raddoppiava, Francesco Ruberto calciava una violenta punizione dai 22 metri, un difensore respingeva con il corpo ma la sfera giungeva dalle parti di Paduano, il quale immediatamente metteva al centro, dove tutto solo Iovino di testa ribadiva in rete, (rete che il capitano Iovino dedica alla figlioletta Giulia venuta alla luce solo una decina di giorni fa, alla dedica partecipa tutta la squadra e la società). Al 71° Francesco Ruberto riusciva a farsi respingere da Magliocca l’ennesimo tiro ravvicinato, il numero 10 locale oggi al ritorno nella sua Cellole avrebbe ampiamente meritato la rete. Al 74° il Cellole si portava sul 3 a zero definitivo che avrebbe chiuso l’incontro, Lucciola dalla sinistra metteva al centro un invitante pallone per Martino, il bomber cellolese si cimentava in una spettacolare sforbiciata, la sfera terminava in rete per la gioia di tutta la tifoseria e la squadra. Adesso c’è la sosta natalizia e il nuovo anno il Cellole farà visita all’ostica formazione del Castel di Sasso, mentre il Pignataro ospiterà il Real Francolise.     


Coppa Italia
A.S. Cellole B.D.  – U.S.D. Pietramelara =  3 – 1

AS Cellole B.D.: Migliore, Lisenni, Di Serio, Carlucci,(55° Iovino), Mazzone, Lamberti, Martino G, Guida, Paduano, Bartolini,(46° D’Agostino), Lepore,(46° Azzuè).  
A disposizione:
All. Michele Cimino.

USD Pietramelara: Natale V, Natale M, Masiello C, Di Rosa, Masiello M, Vera, Santagata G, Veronese, Santagata V, Leonardo Fiorillo, Marcello.
A disposizione: Verazza, Donatiello.  
All. Carmine Liberti

Arbitro:        Sig. Mirko Zenga di Nola

Marcatori:   10° Paduano (Cellole) – 21° Leonardo (Pietramelara) –
39° Martino (Cellole) – 81° Azzuè (Cellole)

Ammoniti:   Martino, Di Serio, Azzuè, (Cellole)       
                    Masiello M, Veronese, (Pietramelara)

Espulsi : Azzuè (Cellole) per doppia ammonizione    

Cellole: (Giuseppe Verrico)  Partita di ritorno di Coppa Campania, il Cellole di mister Cimino era chiamato a ribaltare il risultato dell’andata, quando in quel di Pietramelara venne sconfitto per 2 a zero dalla locale compagine di mister Palmiero, i locali capitanati da Bartolini hanno sfiorato l’impresa, ma a negare loro la gioia di passare il turno è stata una magia di Leonardo, il quale al 21° del 1° tempo saltava quattro cinque avversari come birilli e si portava al tiro dai 16 metri, la sfera si infilava nell’angolino basso alla sinistra di Migliore. Il risultato di 3 a 1 in favore dei locali poteva essere più favorevole per la compagine rossoblu se soltanto gli attaccanti schierati da Cimino avessero concretizzato le tante azioni da gol costruite, bastava un'altra rete per passare il turno, rete sfiorata in più di un occasione dai vari Azzuè, Mazzone, D’Agostino, Paduano, Martino e Lisenni. Pronti via è il Cellole passava in vantaggio, Guida serviva sulla sinistra Martino, il quale arrivato sul fondo metteva al centro per l’accorrente Paduano, piatto destro e palla in fondo al sacco. Al 21° come abbiamo già detto in precedenza gli ospiti pareggiavano con Leonardo. Al 26° era Martino a divorarsi un’occasione d’oro, infatti l’attaccante rossoblu si faceva parare il tiro da Natale in uscita. Al 36° Bartolini serviva Paduano, il quale tutto solo tentava un tiro a giro di interno destro che finiva sul fondo. Al 39° il Cellole passava di nuovo in vantaggio, Bartolini dalla sinistra calciava una punizione verso il secondo palo, dove Martino tutto solo colpiva indisturbato e metteva in rete. Al 58° Azzuè si presentava da solo d’avanti a Natale, ignorava Martino tutto solo a centro area e si faceva respingere la conclusione dall’estremo difensore ospite. Al 59° Lisenni calciava un corner da destra e colpiva il palo alla sinistra di Natale. Al 81° Martino a botta sicura tirava verso la porta difesa da Natale, con il corpo un difensore respingeva la sfera che giungeva nei pressi di Azzuè, il quale con una spettacolare semirovesciata metteva in rete il 3 a 1. Ultimi 10 minuti di arrembaggio da parte del Cellole, il quale con un'altra rete poteva passare il turno, ma continuavano le occasioni fallite di un soffio. Al 83° si vedevano gli ospiti con Squillacioti che impegnava l’estremo difensore locale Migliore, il quale parava a terra un tiro scagliato dai 16 metri. Al 87° era Lisenni a fallire una ghiotta occasione da due passi su un bell’astiss da parte di Paduano. Al 90° Iovino calciava una punizione dalla sinistra, saltava più alto di tutti Mazzone, ma la sfera sfiorava di un niente la traversa. Al 92° era Paduano che non si avvedeva di Iovino tutto solo dentro l’area del Pietramelara e tentava la conclusione a rete dai 16 metri, il tiro terminava alto oltre la traversa.  

Giovanissimi 2011-2012
AS Cellole BD –  ASD Acc. del Movimento =  2 – 0

AS Cellole BD : Tommasino,(10° st Vozzolo), Sivo Gi, Talitro, Imparato,(31° st Pezzolo) Romano, Passero, Caterino,(29° st Oliva), Maisto,(22° st Simoniello), Agatone,(3° st Sorbo), Gallinaro, Papa.
A dispo. =  
All. Franco Sorgente.

Acc. del Movimento: De Luca E, Infante, Venosa, Di Puorto, Iannone, Di Caterino, Belloro, Caterino S, Di Sarno, De Luca M.  
A disp.=  
All. Raffaele Caterino

Arbitro Sig. Iodice Francesco di Caserta.

Marcatori:   6° pt Papa – 11° st Caterino
                 
Ammoniti:   (AS Cellole BD)
                     (Acc. Del Movimento)

Espulsi: ----------

Cellole: (Giuseppe Verrico). Dopo la bella vittoria della prima giornata di campionato ottenuta fuori casa sul campo del Villa Sport, è arrivata anche la vittoria in casa, ottenuta questa volta contro la compagine di San Cipriano Accademia Del Movimento. Dopo due giornate i giovanissimi di mister Sorgente del Cellole guidano la classifica a punteggio pieno. La gara registrava subito veementi attacchi da parte della locale squadra rossoblu, attacchi che portavano al meritato vantaggio, infatti al 6° dalla destra Caterino crossava al centro, dove un difensore respingeva corto e Papa approfittando dell’errato disimpegno da due passi metteva in rete, siglando il classico gol di rapina. Terminava la prima frazione di gioco con molte occasioni fallite dagli avanti cellolesi, infatti a turno sbagliavano i vari Agatone e Caterino. Iniziava il secondo tempo con l’ingresso in campo di Sorbo al posto dell’infortunato Agatone, ma la musica non cambiava. I locali protesi in avanti alla ricerca del gol sicurezza venivano premiati all’11°, quando Caterino con un preciso diagonale siglava la seconda rete per il definitivo 2 a zero. Iniziavano le solite sostituzioni, che vedevano l’ingresso in campo dei vari Oliva, Simoniello, Pezzolo e Vozzolo, la gara giungeva a termine con tranquillità dato che i ragazzi guidati da capitan Gallinaro controllavano bene senza mai rischiare.



11-12-2011 7ª  Giornata
SC Juve Mondragone – A.S. Cellole B.D.  =  0 – 4

SC Juve Mondragone: Terracciano, D’Avanzo, Gigante, Cascarino, Cacciapuoti, Santoro, Trano,(25° Cicia), Nicoletta, Della Valle, Russo, Torino.
A disposizione:
All. Giovanni Beatrice

AS Cellole B.D.: Dati, D’Amico, Lisenni, Lucciola,(50° Di Serio), Mazzone, Cimino, D’Agostino, Iovino, Gambardella, Bartolini, Paduano.
A disposizione: Carlucci, Di Matteo, Lamberti, Azzuè, Guida.
All. Michele Cimino.

A r b i t r o : Sig. Simone Mautone di Napoli.

Marcatori:    6° D’Agostino – 8° e 51° Gambardella – 17° Paduano
                  
Note: Gara sospesa al 55° per una aggressione all’arbitro da parte di un calciatore della Juve Mondragone.

Ammoniti:    Cacciapuoti, (Juve Mondragone)       
                     ---- (Cellole)

Espulsi :  Al 23° Santoro (J. Mondragone) per comportamento irriguardoso verso il direttore di gara e al 54° Torino (J. Mondragone) reo di aver aggredito il direttore di gara.

Mondragone: (Giuseppe Verrico) Finiva con ben 35 minuti di anticipo la gara che metteva di fronte la locale compagine della Juve Mondragone e gli ospiti del Cellole, motivo dell’anticipata conclusione della gara è stata l’aggressione che il calciatore Torino della Juve Mondragone al 54° minuto perpetrava nei confronti del direttore di gara. La gara non ha avuto storia dal 1° al 55° minuto quando Mautone di Napoli fischiava la fine della partita. A fare la partita ci hanno pensato gli ospiti, padroni del campo in lungo e largo vista anche l’inconsistenza dei locali. Al 1° D’Agostino serviva Paduano, il quale incredibilmente calciava alto. Al 6° gli ospiti passavano in vantaggio, Paduano serviva per vie centrali Bartolini, il capitano con un astiss al bacio metteva D’Agostino nelle migliori condizioni per andare a rete, il bomber ospite non falliva l’esecuzione e con Terracciano in uscita metteva in rete il gol del vantaggio. Al 8° gli ospiti raddoppiavano, Paduano serviva Gambardella sul filo del fuori gioco, il numero 9 ospite si veniva a trovare a tu per tu con Terracciano in uscita e lo superava con un preciso pallonetto. Al 16° il rientrante Iovino serviva ottimamente Gambardella, il quale da ottima posizione ciccava clamorosamente la sfera sparando alto. Al 18° l’arbitro decretava un calcio di rigore in favore degli ospiti per una trattenuta operata da D’Avanzo ai danni di D’Amico, sul dischetto si portava Paduano, il quale si faceva respingere il tiro dall’estremo difensore locale ma era lesto a catapultarsi sulla sfera e a ribadire in rete realizzando il tris. Al 20° D’Agostino si esibiva in una spettacolare rovesciata in area, ma la sua conclusione terminava di un soffio alta. Al 26° era Lucciola che si portava al tiro dai 20 metri, ma a portiere battuto salvava sulla linea Cacciapuoti. Terminava il primo tempo con numerose azioni fallite in zona gol dai vari Paduano, Gambardella, D’Agostino e compagni. Iniziava la ripresa e subito il Cellole sfiorava la quarta rete con D’Amico che tirava a botta sicura, ma sulla linea salvava ancora Cacciapuoti. Al 51° capitan Bartolini serviva per vie centrali Gambardella, il quale con un preciso pallonetto metteva alle spalle dell’incolpevole Terracciano. Al 54° succedeva il fattaccio, il calciatore Torino della Juve Mondragone perdeva il senno per una ventina di secondi e sferrava un calcione al direttore di gara, gara conclusa immediatamente e tutti sotto la doccia, da segnalare il corretto comportamento di tutti gli altri calciatori in campo che hanno subito soccorso il direttore di gara, a cui si sono aggiunti tutti i dirigenti locali e ospiti. Purtroppo per una ventina di secondi di follia di un singolo si è tinta di violenza una gara che tutto faceva prevedere, ma non una azione di violenza verso un direttore di gara.      



Giovanissimi 2011-2012 Girone B
ASD Villa Sport – AS Cellole BD =  1 – 3

ASD Villa Sport: Diana, Riccardo,(31° st Di Bernardo), Serao, Cacciapuoti, Capoluongo,(22° st Della Corte F) Pelliccia, Della Corte A, Grassi, Pellegrino, Puoti, Cecoro.
A disp. = .
All. Claudio Conte.

AS Cellole BD : Tommasino, Sorbo,(1° st Sivo Gi), Talitro, Imparato, Passero, Sivo Ga, Caterino,(32° st Oliva), Papa, Agatone, Gallinaro, Maisto.
A disp.=  Vozzolo, Di Marzo, Romano, Pezzolo.
All. Franco Sorgente.


Arbitro Sig. Francesco Tagliafierro di Caserta.

Marcatori:  12° pt Puoti (Villa Sport) – 14° st Gallinaro (Cellole) – 23° st Papa (Cellole) – 34° st Agatone (Cellole)
                 
Ammoniti:   Capoluongo, Pellegrino, (Villa Sport)
                     Agatone, Sivo Ga, (AS Cellole BD)
                    

Espulsi: Nessuno.

Villa di Briano: (Giuseppe Verrico)  Iniziano alla grande i ragazzi di mister Sorgente, i rossoblu del Cellole hanno dominato in lungo e largo ed hanno portato a casa 3 punti meritatissimi, lanciandosi così al comando della classifica. Primi 10 minuti di dominio assoluto dei ragazzi guidati da mister Sorgente, ma al 12° a sorpresa i locali di mister Conte passavano in vantaggio, su una rimessa laterale da sinistra si inseriva l’ottimo Puoti che da circa 5 metri con un gran bolide al volo di destro insaccava alle spalle dell’incolpevole Tommasino. In svantaggio di una rete i ragazzi di mister Sorgente non demordevano e continuavano a macinare gioco, la scarsa precisione degli attaccanti in zona gol portavano al riposo la gara con il vantaggio dei locali per 1 a zero. Nel 1° tempo fallivano diverse occasioni i vari Agatone, Maisto e Imparato. Nel 2° tempo continuava il bel gioco del Cellole ed arrivavano anche i frutti, al 14° Gallinaro da fuori area con un gran tiro al volo piegava le mani all’estremo difensore locale per il momentaneo pareggio. Al 23° con una splendida azione corale il Cellole si portava meritatamente in vantaggio, a concretizzare la bella azione degli ospiti ci pensava Papa, che da pochi passi metteva in fondo al sacco il vantaggio per la propria squadra. Il Cellole continuava a fallire diverse occasioni con il suo bomber di razza Agatone, il quale si riscattava al 34° del 2° tempo, spettacolare sombrero al suo diretto marcatore e gran tiro al volo da circa 12 metri, palla in rete per il definitivo 3 a 1 in favore dei rossoblu di mister Sorgente che porta a casa una meritata vittoria dopo tanto lavoro svolto durante i duri allenamenti sia tattici che tecnici.   



03-12-2011  6ª  Giornata
A.S. Cellole B.D.  – S.S.C. Carinola =  3 – 0

AS Cellole B.D.: Dati, D’Amico, Lisenni, Guida, Mazzone,(75° Lamberti), Cimino, Martino G, Carlucci,(85° Lepore), Paduano, Azzuè,(60° D’Agostino, Lucciola.  
A disposizione:Bove, Di Matteo, Gambardella, Bartolini.
All. Michele Cimino.

SSC Carinola: Federico, Corribolo, Rotunno, Papa,(71° Tuozzi) Ciriello, Corsaro, Liberti, Reccolani,(62° Di Spirito), Caruso, Fiorillo, Marcello.
A disposizione: Verazza, Donatiello.  
All. Carmine Liberti

Arbitro:        Sig. Pasquale Cifariello di Ercolano

Marcatori:   39° Paduano (rig) – 82° Guida – 89° D’Agostino

Ammoniti:   Guida, Mazzone, Cimino, Martino, Carlucci, (Cellole)       
                    Rotunno, Tuozzi, (Carinola)

Note = Al 63° Federico (Carinola) para un rigore a Giuseppe Martino (Cellole)

Espulsi : --------   

Cellole: (Giuseppe Verrico)  Partita più dura del previsto per il Cellole di mister Cimino, il risultato poteva essere più ricco di gol se gli avanti rossoblu fossero stati più precisi in fase di realizzazione, gli ospiti hanno fallito una buona occasione al 56° con Marcello, l’ex di turno si faceva respingere la conclusione da Dati in uscita, fallendo il possibile pareggio. Al 5° Azzuè appoggiava a Cimino sulla sinistra, cross dal fondo del capitano e Giuseppe Martino da ottima posizione a centro area incredibilmente sparava alto. Al 10° Guida da circa 25 metri lasciava partire un bolide che un difensore con il corpo deviava in angolo. Al 19° Azzuè tutto solo perdeva l’attimo utile e si faceva impattare il tiro da Ciriello. Al 39° il direttore di gara decretava un calcio di rigore in favore del Cellole per un fallo di mano di Ciriello, sul dischetto si portava Paduano che non falliva l’esecuzione per il vantaggio dei locali. Al 48° Giuseppe Martino serviva Lucciola, l’esterno sinistro del Cellole si faceva deviare in angolo la conclusione ravvicinata. Al 50° il Cellole calciava un corner da sinistra, la difesa ospite respingeva e Guida da fuori area tentava la conclusione, che Federico respingeva a terra, ottimo intervento di Ciriello che anticipava Martino di un soffio. Al 63° il nuovo entrato D’Agostino crossava al centro dalla destra, Di Spirito colpiva la sfera con la mano destra e costringeva il direttore di gara a fischiare un altro calcio di rigore in favore del Cellole, sul dischetto si portava Giuseppe Martino che si faceva respingere il tiro in angolo da Federico. Al 82° Guida in azione di interdizione rubava palla a centrocampo e si involava, serviva palla sulla destra a Giuseppe Martino, il quale in area gli restituiva la sfera e il centrocampista ribadiva in rete dalla corta distanza per il 2 a zero. Al 89° Lepore serviva D’Amico sulla destra, il terzino di fascia si involava sulla destra e arrivato sul fondo crossava al centro per l’accorrente D’Agostino, stop controllo e tiro del nuovo entrato e palla in rete per il definitivo 3 a zero in favore del Cellole. Al 91° Liberti si involava sulla destra e appena dentro area lasciava partire un maligno diagonale che Dati di piede deviava in angolo.    
 



Coppa Campania di II Categoria
USD Pietramelara – A.S. Cellole B.D.  =  2 – 0

USD Pietramelara: Natale V, Di Nuzzo, Santagata V, Di Rosa, Squillacioti, Vera, Veronese,(66° Natale M.) Santagata G, Santagata N, Leonardo,(36° Amoroso), Masiello.
A disposizione:
All. Giovanni Palmiero

AS Cellole B.D.: Dati, Lamberti, Di Serio,(60° Cappabianca), Cimino, Mazzone, Carlucci, Lisenni, Lepore, Azzuè, Bartolini, D’Agostino, Lisenni.
A disposizione:
All. Michele Cimino.

A r b i t r o : Sig. Antonio Manco di Caserta.

Marcatori:    12° e 40° Santagata N. (Pietramelara)
                  
Note: -------

Ammoniti:    Amoruso, (Pietramelara)       
                     Cimino, Mazzone, Dati, (Cellole)

Espulsi :  -------

Pietramelara: (Giuseppe Verrico) Dopo solo tre giorni il Pietramelara ospita di nuovo il Cellole, ma questa volta ad avere la meglio è stata la compagine guidata da mister Palmiero, anche se gli ospiti all’ultimo minuto avrebbero potuto accorciare le distanze per facilitarsi in qualche modo la gara ritorno. A dispetto della gara di campionato il Cellole ha giocato meglio, ma ha subito due reti evitabilissime, la differenza forse l’hanno fatta gli assenti, se nelle file del Pietramelara mancavano Leardi, Zannuto e Della Cioppa, gli ospiti dovevano fare a meno dei vari Martino, Iovino, Giuda, Paduano, D’Amico e Gambardella. La squadra locale a differenza della gara di campionato ha disputato una partita più accorta in difesa e si è sbilanciata pochissime volte in fase d’attacco, raccogliendo in questo modo l’intera posta in palio. Al 12° un errato rinvio di Cimino metteva Leonardo nelle condizioni ottimali per andare a rete, ma l’attendo Dati respingeva il tiro da sottomisura, l’azione proseguiva e il bomber Nicola Santagata dalla destra lasciava partire un preciso diagonale che si infilava alle spalle di Dati per il vantaggio dei locali. Al 18° sul filo del fuori gioco si involava sempre Nicola Santagata, oggi una vera spina nel fianco della retroguardia cellolese, presentandosi da solo a tu per tu con Dati, l’estremo difensore ospite rimaneva in piedi fino all’ultimo e con un bell’intervento riusciva a respingere la conclusione dell’attaccante locale. Al 23° Azzuè dalla lunga distanza con un gran tiro a volo sfiorava il palo alla destra di Natale V. Al 40° Dati raccoglieva un retro passaggio della sua difesa, ma cincischiava un attimo in più del necessario permettendo a Nicola Santagata di rubargli palla e di ribadire in rete. Al 67° gli ospiti fallivano la rete che avrebbe riaperto l’incontro, sulla fascia destra Lisenni ed Azzuè si cimentavano in uno scambio di prima che metteva D’Agostino nelle condizioni di calciare a rete da ottima posizione, la conclusione terminava di poco sul fondo. Al 82° era ancora Azzuè a tentare la via della rete con un tiro da fuori area, ma la sfera terminava alta. Al 91° gli ospiti fallivano con il nuovo entrato Cappabianca una chiara occasione da rete, Cimino calciava una punizione dalla trequarti, Carlucci in area faceva sponda di testa per l’accorrente Cappabianca, ma il calciatore ospite da circa un paio di metri dalla porta sguarnita mancava di un soffio l’impatto con la sfera. Appuntamento a mercoledì 14 per la gara di ritorno, dove gli ospiti saranno chiamata a ribaltare il risultato, ma la squadra di Palmiero non cederà tanto facilmente il passo.    



27-11-2011 5ª  Giornata
USD Pietramelara – A.S. Cellole B.D.  =  0 – 1

USD Pietramelara: Natale V, Di Nuzzo, Masiello, Di Rosa, Squillacioti, Vera, Leardi, Zannito, Santagata N, Leonardo, Santagata G.(49° Amoruso).
A disposizione: Della Coppa, Natale D, Veronese, Santagata V.
All. Giovanni Palmiero

AS Cellole B.D.: Dati, D’Amico, Di Serio, Paduano,(80° Lepore), Mazzone, Cimino, Martino G, Guida,(85° Azzuè), D’Agostino,(70° Gambardella), Bartolini, Lisenni.
A disposizione: Bove, Cappabianca, Lamberti, Lucciola.
All. Michele Cimino.

A r b i t r o : Sig. Francesco Longombardi di Castellammare di Stabia.

Marcatori:    21° D’Amico (Cellole)
                  
Note: -------

Ammoniti:    Di Rosa, Zannito, Masiello, Vera, Santagata N, Leonardo, (Pietramelara)       
                     Martino, Guida, Bartolini, (Cellole)

Espulsi :  -------

Pietramelara: (Giuseppe Verrico) Vince in trasferta il Cellole di mister Cimino, lo fa nella gara più difficile fin qui disputata, quella contro il Pietramelara di mister Palmiero era l’incontro che poteva dare una svolta sia in negativo che in positivo al Cellole. La squadra di casa guidata magistralmente in panchina da mister Palmiero ha disputato una gara costantemente all’attacco in cerca della vittoria prima e del possibile pareggio poi, ma ha trovato un muro eretto dalla squadra ospite, la sfortuna in qualche modo ci ha messo lo zampino e i calciatori locali hanno abbandonato il campo collezionando la prima sconfitta casalinga. Il Cellole del vice Presidente Pecoraro ha raccolto tre punti disputando una gara tutta cuore e attenzione nelle retrovie ed ha fallito diverse occasioni in contropiede con i vari Martino, Guida, D’Amico e Gambardella. Al 13° Vera da circa 24 metri lasciava partire un bolide di collo destro che lambiva il palo alla destra di Dati. Al 16° un retro passaggio di Di Rosa creava scompiglio nella retroguardia locali, infatti la sfera veniva completamente ciccata dall’estremo difensore locale Natale e la palla terminava in corner sfiorando il palo alla destra del sostituto di Della Cioppa. Al 21° gli ospiti passavano in vantaggio, Giuseppe Martino si cimentava in una spettacolare azione personale, il numero 7 ospite partiva da metà campo e saltando circa 4 avversari come birilli si presentava da solo a tu per tu con Natale in uscita, ma con grande altruismo appoggiava la sfera all’accorrente D’Amico, il quale a porta sguarnita ribadiva in rete. Iniziava il secondo tempo con gli ospiti in vantaggio, al 52° Lisenni con un miracoloso recupero riusciva di testa ad anticipare Santagata N, nel momento in cui il numero 9 locale stava da ottima posizione tirando verso la porta difesa da Dati. Al 56° in una mischia furibonda in area del Cellole nasceva un batti e ribatti che portava un calciatore locale a tirare a botta sicura in porta, ma Dati con un bel colpo di reni riusciva a respingere la sfera proprio sulla linea, in questa azione si sono registrate molte proteste da parte dei locali, i quali asserivano che la sfera avesse già oltrepassato la linea di porta, il direttore di gara non era dello stesso avviso e in questa occasione ammoniva un paio di calciatori locali. Al 66° dalla sinistra Leardi metteva al centro un perfetto cross che, Di Nuzzo con il tacco esterno destro indirizzava verso la porta avversaria, ma l’estremo difensore ospite con un guizzo riusciva a respingere la sfera in angolo. Al 69° era Vera che con una maligna punizione calciata dalla sinistra costringeva Dati alla respinta con il corpo da terra. Al 76° nell’ennesima azione d’attacco dei locali nasceva la più ghiotta occasione creata da parte del Pietramelara, in area di rigore su un traversone calciato dalla sinistra svettava di testa Di Rosa, l’impatto con la sfera risultava essere perfetto, ma la conclusione del difensore locale si stampava sulla traversa. Tra le tante azioni pericolose costruite dai padroni di casa, si devono anche registrare numerosi contropiedi orchestrati dagli ospiti che hanno creato non pochi pericoli alla squadra di casa, infatti più volte Martino e compagni hanno fallito facili azioni di contropiede, nelle quali si sarebbe potuto chiudere la gara.   


19-11-2011  4ª  Giornata
A.S. Cellole B.D.  – Real Piedimonte =  0 – 3

AS Cellole B.D.: Dati, D’Amico, Lisenni, Carlucci, Mazzone, Cimino, Martino M, Paduano,(20° Lepore), Azzuè,(60° Gambardella), Bartolini, D’Agostino.  
A disposizione:Bove, Di Serio, D’Adamo, Lucciola, Di Matteo.
All. Michele Cimino.

Real Piedimonte: Perretta, Palmieri, Zannini, Varone,(92° Sangermano), Di Biasio, Martino F, Pignataro,(88° Riformato),  Palladino, Martino G, Codella, Fusco,(56° Merelli).
A disposizione: Alfieri, Loffredo, Torino, Lunardo.  
All. Carlo Loffredo

Arbitro:        Sig. Salvatore Sole di Napoli

Marcatori:   79° e 92° Martino G – 87° Varone

Ammoniti:   Bartolini, Paduano, (Cellole)       
                    Pignataro, (Real Piedimonte)

Espulsi : --------   

Cellole: (Giuseppe Verrico)  Perde malamente in casa il Cellole di mister Cimino, i ragazzi in casacca rossoblu vengono annientati nel 2° tempo da una squadra molto compatta e piena di voglia di giocare al calcio, i ragazzi di mister Loffredo hanno controllato la gara nella 1° frazione e si sono letteralmente scatenati nel 2° tempo. Il Cellole ha tirato una sola volta in porta, al 77° Bartolini da fuori area impegnava severamente l’estremo difensore ospite che si distendeva in tuffo sulla sua destra e riusciva a deviare in angolo. Al 7° dalla sinistra Marco Martino calciava un corner che la difesa ospite riusciva a respingere, sulla sfera si catapultava Paduano che tirava verso la porta difesa da Perretta, la conclusione sfiorava il palo alla sinistra del numero 1 ospite. Al 38° per un fallo di mano in area di rigore del Cellole da parte di Lisenni, il direttore di gara faceva a tutti intendere di aver decretato un calcio di rigore in favore della squadra ospite, ma dopo poco chiariva che aveva solo fischiato una rimessa dal fondo, vibranti sono state le proteste sia nella prima decisione che nella seconda da parte delle due compagini in campo, proteste comunque civili da cui non è scaturito nessun cartellino giallo. Finiva il 1° tempo con il risultato di zero a zero. Nella 2° frazione di gara salivano in cattedra gli ospiti, i quali guidati da un esauribile Pignataro oggi padrone incontrastato del centrocampo e dai due esterni Codella e Giuseppe Martino si facevano via via sempre più pericolosi, infine l’esperienza del capitano Marco Varone ha fatto la differenza. Al 49° dalla destra Codella pennellava un traversone per Palladino appostato all’altezza del 2° palo, tiro immediato del numero 8 ospite e palla abbondantemente fuori. Al 79° appena due minuti dopo l’occasione sventata da Perretta e Bartolini, gli ospiti passavano in vantaggio, Varone dalla destra crossava di esterno destro per Giuseppe Martino, il quale faceva passare il pallone e con una mezza rovesciata di sinistro metteva alle spalle di Dati realizzando una spettacolare rete. Il Cellole cercava in tutti i modi di reagire, ma con metodi sbagliati, infatti si concedeva al contropiede del Real Piedimonte, il quale al 87° raddoppiava, Varone rubava palla al suo diretto avversario e si involava sulla destra, da posizione impossibile di esterno destro metteva in rete alle spalle di Dati. Quando ormai si aspettava il fischio finale della gara, il Real Piedimonte realizzava anche la terza rete, dalla sinistra era Giuseppe Martino che con un maligno diagonale di sinistro metteva la sfera nell’angolino basso alla sinistra di Dati. Bruttissima sconfitta in casa Cellole, sconfitta che certamente avrà ripercussioni nell’assetto della squadra, vittoria importantissima invece per i ragazzi di mister Loffredo i quali hanno meritato la vittoria sfoderando una prestazione umile e con tanta voglia di giocare al calcio, quello che forse manca in casa Cellole.


Coppa Italia di Seconda Categoria
SS Castel di Sasso – A.S. Cellole B.D.  =  0 – 1


SS Castel di Sasso: Russo, Minieri, Simone, De Nisi, Arezzo(11° Izzo), Luongo, Esposito,(73° Melone), Esperti, Maioriello,(46° Di Cristo), Castaldo, Greco.
A disposizione:
All. Giovanni Migliozzi

AS Cellole B.D.: Dati, Di Serio, Lisenni, Lucciola, Mazzone, Cimino, Martino M, Carlucci, Azzuè,(75° Paduano), D’Agostino, Martino G,
A disposizione: Aversano, Cappabianca, D’Adamo, Sarno, Bartolini, Lepore.
All. Michele Cimino.

A r b i t r o : Sig. Alessandro Buonanno di Caserta.

Marcatori:    29° D’Agostino (Cellole)
                  
Note: -------

Ammoniti:    Di Cristo, Melone, (Castel di Sasso)       
                     Azzuè, (Cellole)

Espulsi :  -------

Castel di Sasso: (Giuseppe Verrico) Vince in trasferta la gara di Coppa Campania il Cellole e si qualifica al turno successivo chiudendo il girone a punteggio pieno. La gara non ha avuto storia dall’inizio alla fine, il Cellole ha sempre tenuto in mano il pallino del gioco nonostante le tante assenze, ma mancavano anche ai padroni di casa molte pedine fondamentali, ne è uscita una gara abbastanza piacevole e molto corretta. Al 3° il Cellole poteva passare in vantaggio, Marco Martino serviva sulla destra Giuseppe Martino, il quale tirava a volo trovando l’ottima respinta con i pugni di Rossi. Al 24° era Azzuè a sfiorare la rete, l’attaccante rossoblu dalla sinistra tentava il piattone destro di precisione, ma la sua conclusione terminava di un soffio sul fondo dopo aver sfiorato il palo alla sinistra di Rossi. Al 26° Giuseppe Martino saltava come birilli un paio di avversari e si presentava solo d’avanti a Rossi, il bomber rossoblu tentava un pallonetto che terminava fuori di un niente. Al 29° gli ospiti passavano meritatamente in vantaggio, dalla sinistra Lisenni pennellava un traversone per la testa di D’Agostino, il numero 10 ospite colpiva ottimamente infilando la sfera alle spalle dell’incolpevole Rossi. Al 56° Giuseppe Martino dalla sinistra calciava una punizione che colpiva la base del palo alla destra di Rossi. Al 67° l’onnipresente Giuseppe Martino tirava un gran bolide dalla sinistra, ma Rossi con un tuffo alla sua sinistra riusciva a deviare in angolo. Al 72° era Lucciola ad impegnare severamente l’estremo difensore locale, sempre dalla sinistra il numero 4 ospite si accentrava e lasciava partire un gran tiro che Rossi in tuffo respingeva, nessuno ne approfittava e la difesa locale sventava il pericolo. Terminava la gara con una meritata vittoria che porta morale all’ambiente cellolese dopo la bruciante sconfitta in campionato e permette alla squadra del Presidente Picascia di avanzare in coppa. Sabato la compagine rossoblu ospiterà i cugini del Real Piedimonte, in una gara che promette spettacolo.  

12-11-2011   3ªGiornata
GS Casale di Teano – A.S. Cellole B.D.  =  4 – 0

Casale di Teano: Natale, Pascaru, Palermiti, Giardino, De Giglio, Laurenza, Adducci,(63° Rossi), Caparco, Guarriello,(77° Camelio), Landolfi,(83° Bove), Rotondo.
A disposizione: Mancini, Piccirillo, Zanni, Landolfi.
All. Giovanni De Angelis.

AS Cellole B.D.: Dati, D’Amico, Di Serio, Lucciola, Mazzone, Paduano,(65° D’Agostino), Martino M,(46° Gambardella), Iovino,(25° Lepore), Azzuè, Bartolini, Martino G.
A disposizione: Aversano, Cappabianca, Lisenni, Di Matteo.
All. Michele Cimino.

A r b i t r o : Sig. Gaetano Giannoccoli di Torre del Greco.

Marcatori: 2° Adducci – 29° e 69° Landolfi – 79° Laurenza   
                  
Note: -------

Ammoniti:   Natale, Laurenza, (Casale di Teano)       
                     Paduano, (Cellole)

Espulsi :  55° Giuseppe Martino (Cellole) per doppia ammonizione

Teano: (Giuseppe Verrico) Ottima prova quella sfoderata dai ragazzi del Presidente Rossi, i calciatori guidati da mister De Angelis hanno fatto un sol boccone del Cellole, il 4 a zero definitivo rispecchia l’andamento della gara, molto determinati i locali, poco incisivi e molto leziosi gli ospiti. Al 2° i locali passavano in vantaggio con una rete di Adducci, lesto a sfruttare una disattenzione difensiva in area di rigore del Cellole. Al 18° Marco Martino tentava la via della rete con un gran tiro dai 22 metri, Natale si distendeva sulla sua sinistra e deviava in angolo. Al 24° bella triangolazione Paduano Bartolini Azzuè, con tiro immediato di quest’ultimo con la sfera che lambiva la base del palo alla sinistra di Natale. Al 29° i locali pervenivano al raddoppio, dalla sinistra Landolfi calciava un’innocua punizione che in area di rigore del Cellole veniva deviata da un calciatore in casacca rossoblu, la sfera terminava in rete per il momentaneo 2 a zero. Al 69° Landolfi calciava una punizione da circa 20 metri, la sfera si insaccava alle spalle di Dati il quale in questa occasione si faceva sorprendere dal numero 10 locale proprio sul suo palo. Al 71° Guarriello impegnava severamente l’estremo difensore ospite, il quale si rifugiava in angolo. Al 79° Laurenza da circa 25 metri lasciava partire un gran bolide che si infilava nell’incrocio alla sinistra di Dati, per il 4 a zero definitivo. A difesa degli ospiti c’è l’infortunio accusato da Iovino al 22° del primo tempo, infortunio che ha costretto mister Cimino a cambiare qualcosa in mezzo al campo, all’infortunio si è aggiunto un nettissimo rigore negato al 44° del primo tempo per un nettissimo fallo di Pascaru ai danni di Paduano dal mediocre arbitro Giannoccoli di Torre del Greco, se vogliamo aggiungerci anche l’espulsione di Giuseppe Martino avvenuta ad inizio secondo tempo per doppia ammonizione (seconda ammonizione che è sembrata a molti evitabile da parte del direttore di gara), ecco fatto il danno, ma c’è da aggiungere che il Casale di Teano ha meritato la vittoria e che il Cellole deve farsi un accurato esame di coscienza perché con questo modo di giocare in trasferta non si va da nessuna parte.
 
05-11-2011   2ª Giornata
A.S. Cellole B.D.  – Bayern Caserta =  6 – 1

AS Cellole B.D.: Dati, D’Amico, Lisenni, Lepore, Mazzone, Lamberti,(46° Di Serio), Paduano, Iovino,(65° D’Agostino), Azzuè, Bartolini, Martino G.(65° Di Matteo).  
A disposizione:Aversano, Cappabianca, Sarno, Gambardella.
All. Michele Cimino.

Bayern Caserta: Pascariello C, Novelli, Ferrara,(53° Loffredo), Pasquariello R, Cozzi,(62° Della Rocca), Grieco, Rondinone, Rea,(53° Valente), Leone, Sigillo, Bucciero.
A disposizione: Boccia, Sassi, Di Guida.  
All. Giovanni Rea

Arbitro:        Sig. Enrico Ceniento di Frattamaggiore

Marcatori:  12°, 45° e 64° Martino Giuseppe (Cellole) – 37° Rondinone (B. Caserta) – 42° Azzuè (Cellole)       -                   51° Lepore (Cellole) – 58° Paduano (Cellole)

Ammoniti:  D’Amico, (Cellole)       
                   Grieco, Rondinone, Rea, Leone, Sigillo, (Bayern Caserta)

Espulsi : Novelli al 27° pt (B.Caserta) per doppia ammonizione   

Cellole: (Giuseppe Verrico)  Partita a senso unico, il Cellole di mister Cimino strapazzava il malcapitato Bayern Caserta, il quale facilitava le cose alla locale compagine rossoblu rimanendo il 10 dal 27° del 1° tempo per l’espulsione del difensore Novelli. Il risultato finale di 6 a 1 dimostra che non c’è stata gara, i locali hanno dominato dall’inizio alla fine, concedendosi una sola disattenzione, dalla quale è scaturita l’azione di contropiede che ha portato gli ospiti sul risultato di parità. Al 5° D’Amico crossava ottimamente dalla destra per Giuseppe Martino, il bomber rossoblu autore oggi di una tripletta si coordinava e colpiva al volo la sfera, ma la sua conclusione veniva respinta in angolo da Pascariello. Al 12° Mazzone dalla propria metà campo lanciava ottimamente Giuseppe Martino, il quale di testa anticipava il suo diretto marcatore e si veniva a trovare a tu per tu con Pascariello in uscita, il numero 11 locale con estrema freddezza siglava la rete del vantaggio. Al 22° gran tiro a volo di Azzuè, ma attento era Pascariello che parava in due tempi. Al 31° dalla destra Sigillo crossava al centro per la testa di Leone, impatto perfetto che costringeva l’estremo difensore locale Dati alla parata in due tempi. Al 37° gli ospiti pareggiavano, il tutto nasceva da un corner in favore del Cellole, ne scaturiva un micidiale contropiede che metteva Rondinone nelle condizione di battere a rete da ottima posizione con dati in uscita, la sfera si insaccava per il momentaneo 1 a 1. Al 42° Lepore lanciava per vie centrali Azzuè, il numero 9 locale si presentava solo d’avanti a Pascariello e lo freddava per il nuovo vantaggio locale. Al 45° Paduano dalla destra serviva l’accorrente Giuseppe Martino, il quale in solitario siglava il 3 a 1. Iniziava la ripresa con la 4° rete dei locali, Iovino serviva centralmente Lepore, il quale con Pascariello in uscita non falliva l’occasione e con calma metteva la sfera nell’angolino basso alla sinistra del numero 1 ospite. Al 58° spettacolare triangolazione Paduano-Bartolini-Paduano che portava quest’ultimo alla conclusione da pochi passi per il 5 a 1. Al 64° il bomber Giuseppe Martino siglava la sesta e ultima rete della partita per il 6 a 1 definitivo. Ultimi 20 minuti di melina da parte di entrambe le compagini in campo in attesa del triplice fischio finale. Tempi duri per la compagine ospite, la quale dovrà rivedere qualcosa per cercare di migliorare i risultati, mentre pronto è stato il riscatto del Cellole che ha subito buttato alle spalle la cocente sconfitta patita alla prima di campionato.     


29-10-2011 I Giorn.
Real Francolise – A.S. Cellole B.D.  =  3 – 1

Real Francolise: Merola, Cervone,(91° Esposito M), Nave N, De Novellis, Volpe, Palmiero, Vellucci, Esposito L, Nave S, Lanna,(72° De Magistris), Mezzorano,(87° Paladino).
A disposizione: --------
All. Domenico Di Pasquale.

AS Cellole B.D.: Dati, Di Serio, D’Amico, Cimino,(5° Lamberti), Mazzone, Iovino,(60° Lepore), Martino M, Paduano, D’Agostino, Bartolini,(46° Gambardella), Martino G.
A disposizione: Aversano, Cappabianca, Lisenni, Di Matteo.
All. Michele Cimino.

A r b i t r o : Sig. Simone Mautone di Napoli.

Marcatori: 21° e 81° Mezzorano (R. Francolise) – 38° Martino G (Cellole) – 53° Nave S. rig (R. Francolise)   
                  
Note: Al 34° Paduano (Cellole) fallisce calcio di rigore.

Ammoniti:   De Novellis, Vellucci, Lanna, Mezzorano, (Real Francolise)       
                     D’Amico, Mazzone, Martino G, (Cellole)

Espulsi :  Nessuno

S. Andrea del Pizzone: (Giuseppe Verrico) Esordio con vittoria del team guidato da mister Di Pasquale, i ragazzi guidati dal trainer sessano non hanno avuto timore di affrontare la squadra del Cellole e hanno portato a casa 3 meritati punti. La squadra ospite ha solo preso parte alla gara, ma non si è quasi mai vista in campo, escludendo i primi 10 minuti di gioco si può dire che il Cellole non è pervenuto. Al 6° dalla destra Di Serio crossava al centro per Martino G, il quale colpiva di testa mettendo di poco fuori alla sinistra di Merola. Al 8° Martino G. si portava al tiro dai 20 metri, l’esecuzione dell’attaccante rossoblu si infrangeva sul palo alla destra di Merola, il quale immobile osservava la traiettoria della sfera. Al 21° i locali passavano in vantaggio, sulla fascia sinistra si involava Nava S. il quale si portava al tiro da circa una decina di metri, l’estremo difensore ospite Dati si distendeva e in tuffo riusciva a respingere la sfera, sulla respinta si portava l’accorrente Mezzorano il quale da buona posizione tirava in porta, sulla linea D’Amico intercettava la sfera ma non riusciva a respingerla di quel tanto che avrebbe potuto evitare la rete dei locali. Al 32° Vellucci nella sua area di rigore entrava fallosamente su Martino G. inducendo il direttore di gara a decretare un calcio di rigore in favore degli ospiti, sul dischetto si portava Paduano, il quale sbagliava l’esecuzione colpendo la traversa. Al 38° i ragazzi di mister Cimino pervenivano al pari, Martino G. dalla sinistra con l’interno destro lasciava partire un perfetto tiro a giro che si infilava alle spalle dell’incolpevole Merola. Al 53° Mazzone tentava di rinviare la sfera nella propria area di rigore, ma il suo rinvio era preda di Esposito L. il quale tirava immediatamente colpendo la mano di Mazzone, il direttore di gara decretava un calcio di rigore in favore dei locali, sul dischetto si portava Nave S, che non sbagliava l’esecuzione. Al 81° in classica azione di contropiede i locali siglavano la terza rete, dalla sinistra Nava N. metteva al centro per Mezzorano, il quale si faceva gioco del suo diretto marcatore e metteva alle spalle dell’incolpevole Dati con un pregevole pallonetto. Buona la prima per i ragazzi di mister Di Pasquale, mentre gli ospiti di mister Cimino (da sottolineare che mister Cimino ha dovuto abbandonare il campo dopo appena 3 minuti per un infortunio alla caviglia) dovranno fare un serio esame di coscienza per poter ripartire positivamente in questo campionato di seconda categoria.      


Coppa Campania di II Categ. 2011-2012
Cellole, 22-10-2011

A.S. Cellole B.D.  – G.S. Casale di Teano =  3 – 0


AS Cellole B.D.: Dati, Di Serio, Lisenni,(46° D’Amico), Cimino, Mazzone, Iovino,(70° Lepore), Martino M, Paduano, Ganbardella,(70° D’Agostino), Bartolini, Martino G.  
A disposizione:Aversano, Azzuè, Di Matteo, Lamberti.
All. Michele Cimino.

G.S. Casale di Teano: Rendina, D’Alessandro, Feola, Palermiti, De Giglio, Laurenza, Adducci,(73° Zanni), Landolfi,(62° Guarriello), Ariano, Caparco, Rotondo.
A disposizione: Piccirillo.  
All. Giovanni De Angelis

Arbitro:        Sig. Vincenzo Magnifico di Caserta

Marcatori:   22° Martino G – 80° Paduano – 91° D’Agostino

Ammoniti:  Bartolini, Martino G, D’Amico, (Cellole)       
                   Rendina (Casale di Teano)

Espulsi : ----------   

Cellole: (Giuseppe Verrico)  Ottima prestazione dei ragazzi guidati da Mister Cimino, i rossoblu del Presidente Picascia hanno perennemente tenuto in scacco la squadra avversaria, non concedendo nulla e mostrata per tutti i 90 minuti l’intera padronanza del terreno di gioco, il tutto si può sintetizzare che l’estremo difensore locale Dati toccava il suo primo pallone al minuto 42 del primo tempo. I ragazzi del Cellole hanno sfoderato una prestazione da applausi considerando anche la presenza in tribuna del calciatore Dino Fava. Al 14° Martino G calciava una punizione dai 17 metri, deviazione della barriera che spiazzava Rendina, ma la sfera si perdeva sul fondo di un soffio. Al 16° Ariano faceva sponda per l’accorrente Rotondo il quale concludeva sul fondo alla sinistra di Dati. Al 19° Martino G si cimentava in uno spettacolare slalom, andava alla conclusione da circa 14 metri e Rendina parava a terra. Al 22° i locali capitanati da Bartolini passavano meritamente in vantaggio, Martino M si incaricava di calciare una punizione a 2 in area degli ospiti decretata dal direttore di gara Magnifico di Caserta, Rendina si opponeva ottimamente respingendo con i pugni, sulla sfera si catapultava Lisenni il quale dalla sinistra pennellava un perfetto cross per la testa di Martino G, per una rete facile facile che consentiva ai locali di passare in vantaggio. Al 43° Gambardella si involava sul filo del fuori gioco e si presentava a tu per tu con Rendina, il numero 9 locale tentava un pallonetto che si rivelava abbondantemente alto. Al 64° Martino G si cimentava in una spettacolare semirovesciata che costringeva Rendina alla deviazione oltre la traversa. Al 66° dalla destra Cimino crossava al centro per la testa di Gambardella, ma la conclusione di quest’ultimo terminava alta oltre la traversa. Al 80° i locali raddoppiavano, Lepore calciava un corner dalla sinistra, Martino G colpiva al volo da ottima posizione ma l’estremo difensore ospite respingeva con i pungi, il più lesto di tutti ad impossessarsi della sfera risultava essere Paduano, il quale lasciava partire un perfetto diagonale che non lasciava scampo al portiere ospite. Al 86° gli ospiti sfioravano la rete con Rotondo, il quale si involava in contropiede e si veniva a trovare a tu per tu con Dati in uscita, la conclusione del numero 11 ospite veniva ottimamente deviata dal tempestivo intervento dell’estremo difensore locale. Al 91° arrivava la terza rete per i locali, D’Amico se ne andava tutto solo sulla fascia sinistra, entrava in area e si portava alla conclusione con il destro, Rendina ottimamente respingeva il tiro, ma sulla sfera si portava D’Agostino il quale con un maligno diagonale siglava la sua personale rete per il definitivo 3 a zero per il Cellole.  

Torna ai contenuti | Torna al menu