Grammatica Cellolese - www.cellole-ce.it

Vai ai contenuti

Menu principale:

Grammatica Cellolese

Storia di Cellole > Un Cellolese Racconta

GRAMMATICA DELLA LINGUA CELLOLESE

    
Studio sulla lingua dialettale parlata a Cellole

           A cura di

          Prof DOMENICO   GIRONE

Nota  dell’autore

Tutto quanto è riportato nella presente grammatica della lingua parlata a Cellole,può essere suscettibile di variazioni a seconda della persona che lo parla. Ho cercato di ordinare il lavoro con regole più o meno precise che possano dare una,se pur minima, indicazione del modo di parlare a Cellole. Si raccomanda di accentuare,nel parlare o leggere,le parole che hanno l’accento.
Vedi  anche OSSERVAZIONI a pag. 10           
Questo lavoro lo dedico ai miei genitori perché mi hanno insegnato ad amare le tradizioni ed avere stima e rispetto per il popolo di Cellole.

L’ARTICOLO DETERMINATIVO


Singolare maschile      plurale maschile
Ru =    il,lo      ri =  i,gli

    Esempio
Ru zaino lo zaino     ri zaini  gli zaini
Ru tavolo il tavolo     ri tavoli i tavoli
Ru ciùotto il ciottolo     ri ciùottuli i ciottoli
Ru buco il buco      ri buchi i buchi
Ru mobile il mobile     ri mobili i mobili
Ru curtìeglio il coltello     ri curtìegli i coltelli
Ru mezzo il mezzo     ri mezzi i mezzi
Ru treno il treno      ri treni  i treni
Ru specchio lo specchio     ri specchi gli specchi




Singolare femminile      plurale  femminile
Può essere
“a”oppure “la” = la      ”e “ oppure “le” = le

    Esempio
A mamma la mamma     e mamme le mamme
A zappa la zappa     e zappe le zappe
A cummàra la comare     e cummàre le comare
A scarpa la scarpa     e scarpe le scarpe
A seggia la sedia     e sèggi  le sedie
A casa  la casa      e case  le case

  L’ARTICOLO  INDETERMINATIVO

    
Maschile        femminile
Nu  = un,uno        na  =  una
    Esempio
Nu zaino uno zaino                na casa  una casa
Nu tavolo un tavolo              na téula una tegola
Nu cappìeglio un cappello      na valigia una valigia
Nu iàglio un gallo              na famiglia una famiglia
Nu cane un cane                 na penna una penna
Nu zio  uno zio                             na zia  una zia

L’articolo indeterminativo maschile “ NI “ vicino all’aggettivo plurale “pochi” e l’articolo indeterminativo femminile “ NE “ vicino all’aggettivo plurale “poche”,indicano una quantità imprecisata.
Esempio
Maschile        femminile
Ni pochi e giurnali un po di giornali                     ne poche e rose un po di rose
Ni pochi e pisci un po di pesci                  ne poche e persone un po di persone
Ni pochi e iùorni un po di giorni                       ne poche e ulive un po di olive
Ni pochi e nui  un po di noi                                 ne poche e felle un po di fette
Ni pochi e vui  un po di voi                         ne poche e penne un po di penne
Ni pochi e pìezzi un po di pezzi                       ne poche e case un po di case
Ni pochi e caraùni un po di carbone                 ne poche e chelle un po di quelle

Per indicare una maggiore quantità si mette “begli” (maschile) “belle” (femminile) tra l’articolo indeterminativo e l’aggettivo.
    
    Esempio
Maschile         femminile
Ni begli pochi e giurnali un bel po di giornali                  ne belle poche e rose     un bel po di rose
Ni begli pochi e pisci  un bel po di pesci                ne belle poche e persone  un bel po di persone
Ni begli pochi e iùorni un bel po di giorni                       ne belle poche e ulive  un bel po di ulive
Ni begli pochi e nui  un bel po di noi                              ne belle poche e felle  un bel po di fette
Ni begli pochi e vui  un bel po di voi                              ne belle poche e penne un bel po di penne
Ni begli pochi e piezzi un bel po di pezzi                           ne belle poche e case  uun bel po di case
Ni begli pochi e caraùni un bel po di carbone                  ne belle poche e chelle un bel po di quelle

Il  “ NI “ ed il  “NE” possono essere usati anche per qualificare l’aggettivo.


Maschile       femminile
So ni begli fiuri sono dei bei fiori                 so ne belle case sono delle belle case
So ni begli uagliùni sono dei bei ragazzi           so ne belle maglie sono delle belle maglie
So ni begli mobili sono dei bei mobili           so ne belle figlie sono delle belle figlie

Le vocali “ E “ ed “ O “ nella parola singolare maschile,al plurale diventano “ I “.
La vocale “ A “               nella parola singolare femminile,al plurale diventa “E “

Ciùottolo ciùottuli ciottolo/li   patana/e  patata/e

Tutti i nomi al singolare maschile che terminano con “ ONE “ ed “ORE “ al plurale diventano “UNI” ed “URI”.
    Esempio al maschile
Singolare        plurale
Ru quadrone  il quadrone    ri quadruni i quadroni
Ru zainone  lo zainone    ri zainuni gli zainoni
Ru quadernone il quadernone    ri quadernuni i quadernoni
Ru carramòne  il fossato    ri carramuni i fossati
Ru mattone  il mattone    ri mattuni i mattoni
Ru causòne  il calzone,il pantalone   ri causùni i calzoni,i pantaloni
Ru trattore  il trattore    ri trattùri i trattori

Esempio al femminile

Singolare         plurale
A prèta la pietra      le prèti  le pietre
A valigia la valigia      le valige le valige
A vacca la vacca      le vacche le vacche
A figlia la figlia      le figlie le figlie
A zappa la zappa      le zappe  le zappe

   L’APOSTROFO

     
Si mette l’apostrofo all’articolo quando la parola inizia con la vocale.        Con l’articolo determinativo maschile
Singolare       plurale
R’addore l’odore      r’addùri gli odori
R’amico l’amico     r’amici  gli amici

   Con l’articolo indeterminativo maschile
N’addòre un odore     n’addùri degli odori
N’amico un amico     n’amici degli amici

   Con l’articolo determinativo femminile
L’èreva l’erba      l’èreve  le erbe
L’ancora l’ancora     l’ancore le ancore

   Con l’articolo indeterminativo femminile
N’èreva un’erba     n’èreve delle erbe
N’elica  un’elica     n’eliche delle eliche

    
LA  PREPOSIZIONE  SEMPLICE

    
IN ITALIANO;  DI   A   DA    IN       CON SU   PER     TRA    FRA

IN DIALETTO: DE   A         DA    N        CU    NCOPPA    PE      TRA    FRA

     Esempio

Ru portone de casa è chiuso     il portone di casa è chiuso

Torna ai contenuti | Torna al menu