Luglio 1950 - www.cellole-ce.it

www.cellole-ce.it
Vai ai contenuti
Quello che segue è opera del Prof. Giovanni Verrengia, "Cellole e la sua autonomia",  Arti Grafiche Caramanica  Settembre 2006.                                                              
                                        La verità storica sulla questione " Pantano"
                            relativamente al periodo 1946-1951
A questo punto, per meglio rendere comprensibili i veri motivi che sottendono alla vicenda finale e più brutta di tutta la storia, cioè, l'arresto di una ventina di pacifici cittadini, colpevoli semplicemente di essersi lasciati trascinare in buona fede in una vicenda dai prevedibili sbocchi - e per avvalorare in modo inequivocabile la tesi della " responsabilità consapevole" delle forze politiche d'opposizione in tutta la vicenda " Pantano", avvalendomi della " memoria testimonianza" del concittadino Giacomo Sorgente ( che tra l'altro fu uno dei partecipanti al fatto), cercherò di riportare fedelmente il racconto fattomi da  "Giacomino" nell'incontro avuto con lui nel mese di luglio del 2003 poco prima che ci lasciasse per sempre. E' Giacomino che racconta: Verso la metà di luglio del 1950, il grano sequestrato a Luigi Montecuollo - di Cellole- senza darne avviso al proprietario, cioè al Montecuollo, venne prelevato e portato alla trebbia dai vigili comunali preposti al servizio. Dopo trebbiato - sempre gli stessi vigili caricano il grano sul camion addetto e, insieme a due carabinieri stavano per portarlo a Sessa A. -Ma, nell'attuale piazza A. Moro, un gruppo di cellolesi ( una quindicina circa) fermarono il camion, fecero scendere i carabinieri e i vigili e scaricarono il grano, che venne portato a casa del legittimo proprietario con il carretto del netturbino dell'epoca. La sera dello stesso giorno venne a Cellole il Maresciallo dei Carabinieri di Piedimonte ( a Cellole non c'era la stazione dei CC.)- e insieme ai vigili coinvolti nella vicenda si recò in una casa privata a compilare l'elenco di quei cittadini che avevano partecipato al fermo del camion e al prelievo del grano sequestrato. Verso le tre del mattino successivo vi fù l'arresto di una ventina di persone che vennero portate in carcere e dopo subirono un processo penale. Non ricordo con precisione l'esito del giudizio e le pene inflitte ai responsabili".
Luigi Fusciello in rete dal 24/05/2002.
Torna ai contenuti